UK Climate Group: COVID-19 Un "test" per stili di vita più verdi

SDGs
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
A causa dei legami reciproci sottostanti tra l'isteria del riscaldamento globale e il panico COVID-19, non c'è da meravigliarsi che i gruppi verdi farebbero dichiarazioni del genere. Rendere più verde il mondo per lo sviluppo sostenibile, noto anche come Technocracy, è la carne rossa della pandemia. ⁃ Editor TN

Lavorare da casa e altre misure per aiutare a arginare la diffusione dell'epidemia di coronavirus in Gran Bretagna mostrano quanto velocemente il Paese potrebbe cambiare il suo modo di affrontare anche i cambiamenti climatici, hanno detto domenica i partecipanti all'Assemblea del clima del Regno Unito.

“Con il coronavirus, (il governo) ha dovuto agire perché non aveva scelta in merito. Con il cambiamento climatico, devono agire allo stesso modo ", ha affermato Marc Robson, 46 anni, un installatore di gas britannico e uno dei 110 membri dell'assemblea dei cittadini.

Come nella risposta alla malattia respiratoria COVID-19, "le persone moriranno se non lo facciamo", ha avvertito il residente di Newcastle in una video intervista.

“E tutti abbiamo bisogno di comprare anche in questo. Deve essere spiegato al pubblico che se non cambiamo ciò che stiamo facendo, ci costerà alla grande ”.

L'assemblea, scelta per riflettere la diversa composizione geografica e demografica della Gran Bretagna, nonché i diversi punti di vista sui cambiamenti climatici, si è incontrata una volta al mese a Birmingham da gennaio per ascoltare esperti di scienza e politica del clima.

Si prevede che durante l'estate presenterà al governo le sue raccomandazioni su come la Gran Bretagna dovrebbe raggiungere un obiettivo giuridicamente vincolante per ridurre le sue emissioni di riscaldamento climatico a zero netto entro il 2050.

Ma con le restrizioni del coronavirus ora in vigore per le riunioni pubbliche, l'assemblea di questo fine settimana si è tenuta per la prima volta online - un cambiamento che alcuni membri dell'assemblea hanno visto come un "test" per potenziali cambiamenti climatici di cui stavano discutendo.

"Questo mi ha aperto la mente che possiamo apportare questi cambiamenti, come lavorare a casa", ha detto Robson alla Thomson Reuters Foundation.

Sarah Allan, responsabile dell'impegno presso Involve UK, un'organizzazione benefica che aiuta a gestire l'assemblea, ha affermato che alcuni membri del gruppo hanno chiesto di discutere del coronavirus durante l'evento di questo fine settimana e di riflettere su "come li fa sentire su ciò che hanno sentito".

Ibrahim Wali, 42 anni, un medico di base nel Surrey, ha dichiarato di aver condotto valutazioni COVID-19 via telefono e collegamento video da quando è iniziata l'epidemia e ha realizzato "è fattibile".

“Le persone potrebbero rimanere di più a casa, lavorare a distanza. A volte nella vita hai solo bisogno di una sfida per cambiare il modo in cui vivi e operi ", ha detto.

Ciò che aveva imparato più in generale durante le sessioni di assemblaggio lo aveva anche portato a installare lampadine a LED a casa, guardare il passaggio a un'auto ibrida o elettrica e riconsiderare la frequenza con cui mangia carne, che ha una grande impronta di carbonio.

“Se riesci a farlo a livello individuale, è qui che inizia. Quindi sono gli amici, la famiglia, la società ", ha detto in un'intervista video.

Ridurre le emissioni “non è solo qualcosa che il governo deve fare. Ho pensato che in passato il governo avrebbe risolto tutto con leggi e leggi. Ma fa una grande differenza se tutti si guardano e fanno un cambiamento ", ha aggiunto.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti