Deutsche Bank: il Green New Deal richiede 'un certo grado di eco-dittatura'

Per favore, condividi questa storia!
Il Great Reset, noto anche come Green New Deal e Tecnocrazia, richiede la trasformazione completa di tutti gli elementi della società, dai quadri legali al commercio al controllo della popolazione. La Deutsche Bank globale ha rivelato che ci vorrà "un certo grado di eco-dittatura" per arrivarci. La dittatura scientifica è il risultato chiave della tecnocrazia è una trappola di civiltà senza ritorno. ⁃ TN Editor

Un'analisi pubblicato da Deutsche Bank critica aspramente il “dibattito disonesto” con cui l'UE vende il suo “Green Deal” ai cittadini europei. Gli enormi rischi del progetto per la prosperità, il sistema economico e la democrazia stessa non dovrebbero essere nascosti, ma dovrebbero essere affrontati apertamente.

Eric Heymann, economista senior presso Ricerca Deutsche Bank, avverte che il Green Deal europeo e il suo obiettivo di neutralità climatica entro il 2050 minaccia una mega crisi europea, portando a una "notevole perdita di benessere e posti di lavoro". E avverte: non funzionerà senza “un certo grado di eco-dittatura”.

L'analista descrive come dubbio il fatto che il Green Deal venga pubblicizzato a tutto campo come "una nuova strategia di crescita" che consentirebbe all'UE di diventare una "società giusta e prospera". Anche se sulla carta potrebbe sembrare positivo, scrive Heymann, per raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050, l'economia europea e tutti i suoi sistemi politici e legali dovranno essere cambiati radicalmente.

Per il momento, le conseguenze rivoluzionarie dell'agenda climatica dell'UE per la vita quotidiana sono "ancora relativamente astratte" e per la maggior parte delle famiglie "ancora accettabili". Presto, però, il percorso verso la neutralità climatica richiederà interventi drastici nella scelta dei mezzi di trasporto, nelle dimensioni degli alloggi, nei mezzi di riscaldamento, nel possesso di beni di consumo elettronici, nonché limitazioni al consumo di carne e frutti tropicali. .

E avverte che queste restrizioni e violazioni innescheranno inevitabilmente "una massiccia resistenza politica".

Alcune parti troveranno argomenti contro rigide politiche di protezione del clima se queste ultime portano a un aumento significativo dei prezzi dell'energia o a restrizioni della libertà personale o dei diritti di proprietà. E non illudiamoci: questi partiti troveranno il sostegno degli elettori. A livello dell'UE, ci saranno grandi conflitti sulla distribuzione, che potrebbero contribuire a (ulteriori) divisioni all'interno del blocco. Siamo pronti ad affrontare questa polarizzazione?

Di seguito sono riportati degli estratti dell'analisi di Eric Heymann (Deutsche Bank Research).

Sarà necessario un certo grado di eco-dittatura

L'impatto dell'attuale politica climatica sulla vita quotidiana delle persone è ancora abbastanza astratto e accettabile per molte famiglie. La politica climatica si presenta sotto forma di tasse e tariffe più elevate sull'energia, che rendono il riscaldamento e la mobilità più costosi. Alcuni paesi hanno stabilito standard minimi di efficienza energetica per gli edifici o regole simili in altre aree. Tuttavia, la politica sul clima non determina le nostre vite. Prendiamo decisioni chiave sui consumi, ad esempio se viaggiamo, quanto viaggiamo e quali mezzi di trasporto utilizziamo, se viviamo in una casa grande o in un piccolo appartamento e come riscaldiamo le nostre case, quanti dispositivi elettronici abbiamo e quanto intensamente li usiamo o quanta carne e frutta esotica mangiamo. Queste decisioni tendono a essere prese sulla base del nostro reddito, non su considerazioni climatiche.

Se vogliamo davvero raggiungere la neutralità climatica, dobbiamo cambiare il nostro comportamento in tutti questi ambiti della vita. Questo semplicemente perché non ci sono ancora tecnologie adeguate e convenienti che ci consentano di mantenere i nostri standard di vita in modo neutro in termini di emissioni di carbonio. Ciò significa che i prezzi del carbonio dovranno aumentare considerevolmente per spingere le persone a cambiare il loro comportamento. Un'altra opzione (o forse supplementare) è quella di rafforzare considerevolmente la legislazione normativa. So che "ecodittatura" è una parolaccia. Ma potremmo dover porci la domanda se e in che misura possiamo essere disposti ad accettare una sorta di eco-dittatura (sotto forma di legge normativa) per muoverci verso la neutralità climatica. Ecco un esempio: cosa dovremmo fare se i proprietari di immobili non vogliono trasformare le loro case in edifici a emissioni zero; se non hanno i mezzi finanziari per farlo; se ciò non è possibile per motivi tecnici o se i relativi investimenti non vengono ripagati?

Leggi il rapporto completo di Deutsche Bank per saperne di più, clicca qui.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Corona Coronata

Certo grado = 100 percento