Il culto del clima martella l'Europa durante la crisi energetica

Per favore, condividi questa storia!
Ci sono tre aspetti della narrativa sul clima: in primo luogo, i pazzi che corrono in giro come pazzi, urlando che il cielo sta cadendo. In secondo luogo, la morsa del governo che attua politiche schiaccianti. Terzo, le élite globali che pianificano e orchestrano l'intero programma. Rifiutali tutti e dormi bene la notte. ⁃ Editore TN

Il culto del clima non dorme mai e quando vedono le nazioni in crisi cercano sempre di sfruttare la situazione travisando il problema alla radice.

Un'ondata di caldo sta attualmente colpendo l'Europa insieme a incendi boschivi e il media mainstream sta battendo forte il tamburo del riscaldamento globale. Questo non è niente di nuovo; ogni volta che fa caldo gridano "cambiamento climatico!" Ogni volta che il tempo è molto freddo, gridano ancora una volta "cambiamento climatico!" La prova? Cosa ne pensi riguardo a "calore record" in alcune parti del Regno Unito, Spagna e Portogallo? Questa è sicuramente la prova che il tempo è stato rovinato da quella terribile minaccia nota come carbonio artificiale?

Ovviamente, quello che non ti dicono è che il record ufficiale per il tempo e le temperature utilizzato dagli scienziati del clima risale solo a circa 140 anni (è iniziato nel 1880). Quindi, milioni e milioni di anni di tempo sulla Terra, e ne contano solo 140 per determinare le "temperature record?" Tendono a ignorare i dati delle carote di ghiaccio e degli anelli degli alberi di secoli fa che indicano periodi di riscaldamento molto più caldi nella storia del nostro pianeta (nessuno dei quali è stato causato dalle emissioni di carbonio provocate dall'uomo). In confronto, le temperature di oggi sono piuttosto miti.

Le temperature complessive della Terra sono aumentate solo di poco 1° Celsius nel secolo scorso; questo era in realtà il picco e attualmente le temperature si sono stabilizzate con un aumento di 0.8°C. Questo è il grande giorno del giudizio climatico di cui tutti dovremmo essere terrorizzati. Questa è la minaccia incombente per la quale dovremmo sacrificare tutta la produzione di energia basata sui combustibili fossili: meno di un singolo grado di calore.

È importante mettere in prospettiva concreta la frenetica narrativa del cambiamento climatico perché la stragrande maggioranza della scienza del clima è pagata da governi e organizzazioni di interesse speciale come l'ONU, il World Economic Forum e molti altri gruppi globalisti con un'agenda in mente. In media, questi governi e istituzioni spendono in giro $ 632 miliardi all'anno sui finanziamenti per la ricerca sul clima e le iniziative di politica climatica (che chiamano "scarse"). Il loro obiettivo è aumentare questo flusso di cassa a $ 4 trilioni entro il 2030. Gli incentivi per saltare sul treno del cambiamento climatico creato dall'uomo sono ENORMI; non c'è quasi nessun incentivo monetario per gli scienziati che vogliono studiare altre potenziali cause degli eventi climatici.

L'idea dello scienziato coraggioso e incorruttibile che cerca la verità oggettiva piuttosto che il denaro e la notorietà è morta da tempo. Gli scienziati onesti sono pochi e lontani in questi giorni (soprattutto nei campi della medicina e delle scienze del clima), e forse è sempre stato così. Non ci si può fidare ciecamente degli "esperti" perché sono altrettanto suscettibili a pregiudizi e corruzione come chiunque altro.

L'isteria del cambiamento climatico non è un hamburger, ma viene attivamente promossa dai media per oscurare le minacce molto reali che il pubblico deve affrontare nel breve termine. Una di queste minacce è la carenza di energia e le normative sul clima hanno messo a dura prova molte nazioni e la loro capacità di adattamento. L'UE sta ora attuando politiche sul carbonio che richiedono a 55% di riduzione delle emissioni entro il 2030. Ciò significa che non dovrebbero essere utilizzate nuove fonti di combustibili fossili. Sono consentite solo riduzioni.

Gli scienziati del clima e gli elitari globali affermano che il cambiamento climatico è la questione fondamentale del secolo e deve essere affrontato immediatamente e con ogni mezzo necessario. Non hanno presentato un solo frammento di prova concreta a sostegno di questa affermazione, ma dettano le politiche della maggior parte dei governi occidentali, quindi non ne hanno davvero bisogno. Avviano semplicemente restrizioni senza input pubblico.

In realtà, forse la più grande minaccia dalla Seconda Guerra Mondiale sta per atterrare come una bomba all'idrogeno in grembo al pubblico europeo. Il panico inizia a prendere forma quando la Russia riduce le forniture di gas naturale all'UE fino al 20% della loro capacità originaria e fonti alternative semplicemente non esistono su una scala che può recuperare il gioco. Anche gran parte delle esportazioni di petrolio sono state sospese ei governi europei NON stanno informando i cittadini della vera gravità della situazione.

Agli attuali tassi di importazione di energia, almeno il 40% dell'Europa non sarà in grado di riscaldare le proprie case in inverno. Anche i piani dell'UE per sostituire le fonti energetiche russe a breve termine sono stati ritenuti "selvaggiamente ottimisti". In altre parole, l'opinione pubblica dell'UE è fregata e molti di loro ancora non se ne rendono conto perché il governo non lo ammetterà. Un disastro di proporzioni epiche sta per colpire e questo senza contare gli enormi aumenti dei prezzi che stanno arrivando per il restante 60% delle persone che avranno ancora forniture di gas a disposizione.

Ma il culto del clima non sta lasciando che questa realtà viscerale si metta sulla loro strada. Per loro, la crisi è un'opportunità. Una nuova narrativa sta sorgendo tra gli organismi intergovernativi, i media e tra gli altri attivisti climatici; dicono che questo disastro imminente è in realtà “buono per l'Europa” a lungo termine, perché costringe i cittadini ad accettare politiche di riduzione dell'energia e controlli del carbonio che scienziati del clima e globalisti chiedono da anni. L'inflazione dei prezzi significa una riduzione della domanda e i tagli nella catena di approvvigionamento significano che le risorse vengono annullate anche se la domanda rimane elevata. L'energia viene soffocata lentamente lasciando spazio a una sorta di "Green New Deal".

Quindi, è un bene per i globalisti e la loro agenda, ma non proprio buono per chiunque altro debba vivere i rigidi mesi invernali senza riscaldamento ed elettricità limitata.

Se l'attuale tendenza continua senza un drastico cambiamento nel modo in cui l'Europa limita l'energia da combustibili fossili, allora c'è un potenziale reale di morti di massa questo inverno. Questa non è un'iperbole, questa è una certezza matematica. La continua spinta per ulteriori restrizioni climatiche in questo momento sta peggiorando la situazione.

Non esiste una minaccia imminente a causa del cambiamento climatico, ma esiste una minaccia imminente a causa della carenza di energia. Gli europei devono chiedersi: perché i loro governi li stanno istituendo per calamità per uno spauracchio del clima inesistente? Senza un aumento dell'energia da combustibili fossili proveniente da numerose fonti, tra cui carbone e petrolio, l'UE è sulla via di una tragedia storica questo inverno.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

5 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Giorgio

L'acquisizione ostile e violenta dei diritti umani è a buon punto.
Sappiamo chi sono gli autori.
La libertà non è gratis.

Gumnut123

Leggi un romanzo di uno scienziato in pensione molti anni fa. Tutte le affermazioni scientifiche erano LA VERITÀ, lo affermava nella sua prefazione. Questo Autore ha affermato che una piccola isola nella regione del Polo Nord, il cui nome inizia con B... , e che gli scienziati avevano scoperto che 6 milioni di anni fa c'erano un certo numero di ALBERI del clima FREDDO che crescevano su quest'isola. per esempio Castagno, Quercia…..ecc., ma i cambiamenti climatici naturali globali a quel punto della storia del clima avevano ucciso gli alberi. Un altro punto, quando l'ultima serie di chiamata pubblica per avere un Jab nella tonnellata locale qui, accompagnata da... Per saperne di più »

Gumnut123

Grazie Patrick per il tuo buon senso e per i messaggi di informazioni puntuali sul tuo sito.

[…] Il culto del clima martella l'Europa durante la crisi energetica […]

[…] článku bez videí: Technocracy NewsPřeklad: Admin Nekorekní TOP-CZČeské titulky: Otevři svou […]