Vertice C40: i sindaci abbracciano il New Deal verde globale

C40
Per favore, condividi questa storia!
I sindaci delle principali città globali di 80 dichiarano il supporto eterno dell'ideologia del New New Deal verde. Il sindaco di Los Angeles Eric Garcetti è stato eletto presidente del C40. La follia verde ha contagiato Copenhagen, Sydney, Rio de Janeiro, New York, Filadelfia, Portland, Austin, Londra e Seattle.

Un capitolo di Technocracy: The Hard Road to World Order ha affrontato ampiamente l'ascesa di città globali che aspirano ad essere città-stato, separate dalle nazioni-stato in cui si trovano. ⁃ Editor TN

Il sindaco di Los Angeles, Eric Garcetti, è stato eletto presidente della C40 Cities. 

I sindaci di C40, guidati dal sindaco Garcetti e dal sindaco Hidalgo, annunciano il supporto per un New Deal verde globale per "guidare un trasferimento urgente, fondamentale e irreversibile di risorse globali lontano dai combustibili fossili e verso azioni che sostengano l'emergenza climatica".

I sindaci delle città leader del clima di 94 riconoscono l'emergenza climatica globale, unita agli attivisti del clima giovanile, ai rappresentanti del lavoro, delle imprese e della società civile.

 Riunione senza precedenti di sindaci 80 e centinaia di leader climatici di tutti i settori impegnati a ridurre le emissioni dei settori più responsabili della crisi climatica - trasporti, edifici, industria e rifiuti - per mantenere il riscaldamento globale al di sotto dell'obiettivo 1.5 ° C dell'accordo di Parigi al C40 World Mayors Summit di Copenaghen. 

Copenhagen, Danimarca (09 October 2019) - Il neo eletto presidente della C40, il sindaco di Los Angeles Eric Garcetti, insieme ai sindaci di città di tutto il mondo tra cui Copenaghen, Parigi, Rio de Janeiro, Sydney e Tokyo, hanno annunciato oggi il loro sostegno a un New Deal verde globale e riconosciuto un'emergenza climatica globale.

L'ampia coalizione - che comprende giovani attivisti per il clima e rappresentanti del lavoro, delle imprese e della società civile - ha annunciato il proprio sostegno alla visione del Global Green New Deal mentre i sindaci delle più grandi città del mondo hanno avvertito che il pianeta è in uno stato di emergenza climatica. Il messaggio è stato diffuso dai leader della città che hanno partecipato al vertice dei sindaci mondiali C40 a Copenaghen. Il loro appello è arrivato in risposta all'azione intergovernativa bloccata da una minoranza di governi molto potenti che negano la scienza, che rappresentano gli interessi dell'industria dei combustibili fossili.

Attraverso il Global Green New Deal, le città hanno riaffermato il loro impegno a proteggere il nostro ambiente, rafforzare la nostra economia e costruire un futuro più equo riducendo le emissioni dei settori più responsabili della crisi climatica - trasporti, edifici, industria e rifiuti - a mantenere il riscaldamento globale al di sotto dell'obiettivo di 1.5 ° C dell'accordo di Parigi.

Ciò comprende ponendo l'azione per il clima inclusiva al centro di tutte le decisioni urbane garantire una giusta transizione per coloro che lavorano nelle industrie ad alto tenore di carbonio e correggere ingiustizie ambientali di lunga durata per coloro che sono colpiti in modo sproporzionato dalla crisi climatica: le persone che vivono nel sud globale in generale e le comunità più povere di tutto il mondo.

Evitare i peggiori impatti della crisi climatica significa ridurre le emissioni globali della metà di 2030. In pratica ciò significa migliorare la mobilità sostituendo i veicoli inquinanti alimentati a combustibili fossili con alternative pulite; definizione dei codici di costruzione più severi possibili e riduzione dei rifiuti, tra le altre azioni. Politiche già in corso di attuazione nelle città di tutto il mondo, grazie all'impegno dei sindaci per gli edifici C40 Net Zero Carbon, Advancing Towards Zero Waste e Green & Healthy Streets Declarations.

Mantenere l'innalzamento della temperatura entro i limiti ritenuti sicuri dalle schiaccianti prove scientifiche significa non solo ridurre le emissioni, ma anche ridurre il carbonio già rilasciato nell'atmosfera del nostro pianeta. Anche stare fermi non è abbastanza buono.

Il Global Green New Deal è stato immediatamente approvato da coloro che si sono impegnati anche per il livello di azione determinato dalla scienza - inclusi imprenditori, investitori, movimento operaio, società civile, gruppi indigeni, rappresentanti di insediamenti informali e gruppi colpiti in modo sproporzionato dal cambiamento climatico e dalla povertà. I sindaci Garcetti, Hidalgo e Jensen hanno lanciato una chiara sfida ai leader nazionali, ai CEO e agli investitori che non hanno ancora raggiunto il livello di ambizione descritto nel Global Green New Deal.

"Come sindaci la nostra prima priorità è proteggere la sicurezza dei nostri cittadini", ha affermato Sindaco di Parigi e presidente C40, Anne Hidalgo. “Saranno presto passati quattro anni dalla firma dell'accordo di Parigi nella nostra città. I leader mondiali si sono incontrati a New York solo il mese scorso e ancora una volta non sono riusciti a concordare nulla di vicino al livello di azione necessario per fermare la crisi climatica. La loro inettitudine minaccia direttamente tutte le persone in tutto il mondo mentre il tempo scorre contro di noi. Non c'è altra soluzione che un Global Green New Deal per essere lo strumento cardine per vincere questa corsa contro il tempo. Tutti i decisori devono assumersi la responsabilità di realizzarlo ”.

"Quando si tratta di azione per il clima, nessuno sta facendo più delle città, ma nessuno sta facendo abbastanza", ha detto Sindaco di Los Angeles Eric Garcetti. "Stiamo entrando in un decennio di rinnovamento per la salvaguardia del nostro pianeta e la giustizia ambientale per ogni comunità - e sono orgoglioso di guidare le città C40 in questo momento critico. Insieme continueremo a guidare l'unità per proteggere il mondo e promuovere una vita migliore, più equa per tutti coloro che vivono in esso. "

Lord Mayor of Copenhagen Frank Jensen, ha dichiarato: “Copenaghen riconosce l'emergenza climatica e si impegna per il Global Green New Deal perché il cambiamento climatico è la più grande minaccia per la sicurezza, la salute pubblica e la prosperità. Dobbiamo agire ora e dobbiamo agire insieme. Non c'è bisogno di esitare: le città hanno già molte delle soluzioni verdi necessarie ".

"Con la crescente urgenza della necessità di un'azione coraggiosa per il clima, i sindaci e le città stanno aprendo la strada e stanno ottenendo risultati", ha affermato Michael R. Bloomberg, presidente del C40, inviato speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite per l'azione per il clima e sindaco di New York City 2002-2013. “Insieme, le città C40 hanno intrapreso migliaia di azioni di successo per ridurre le emissioni di carbonio e stanno dimostrando come la lotta ai cambiamenti climatici aiuti a guidare la crescita economica e migliorare la salute pubblica. Non c'è tempo da perdere."

Le città sono dove la battaglia per il clima sarà in gran parte vinta o persa ”, ha detto António Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite. "Al vertice di azione per il clima di settembre alle Nazioni Unite, almeno i paesi 70 e le città 100 hanno concordato di migliorare i loro piani nazionali di 2020 - dobbiamo sfruttare questo slancio. Le città sono al centro di questa gara e mi congratulo con il C40 per la sua leadership in questo momento critico. ”

Alexandria Ocasio-Cortez, rappresentante degli Stati Uniti per il 14 ° distretto congressuale di New York, ha dichiarato: "Sono ispirato da questa coalizione e dagli impegni presi per un New Deal verde globale. Se lavoriamo per unire le forze a livello globale, saremo in grado di sconfiggere la nostra più grande minaccia e realizzare la nostra più grande opportunità ".

Nuove cifre rilasciate in vista del vertice dei sindaci mondiali C40 a Copenaghen rivelano che le città 30 hanno raggiunto il picco delle loro emissioni e stanno facendo rapidi progressi per portarle a zero. Più di 100 città in tutto il mondo sono ora impegnate a fornire piani d'azione per il clima coerenti con l'obiettivo di riscaldamento globale 1.5 ° C.

I principi che definiscono il New Deal verde globale includono:

  1. Riconosciamo l'emergenza climatica globale. 
  2. Ci impegniamo a mantenere il riscaldamento globale al di sotto dell'obiettivo 1.5 ° C dell'accordo di Parigi riducendo le emissioni nei settori che contribuiscono maggiormente alla crisi climatica: trasporti, edifici e rifiuti. Le città di C40 stanno già tagliando le emissioni a un ritmo coerente con i limiti determinati dalla scienza, il che significa raggiungere un picco delle emissioni di 2020 e dimezzarle con 2030. Ogni azienda, individuo, investitore, partner, rappresentante di insediamento informale e nazione che fa parte del New Deal verde globale si impegnerà per obiettivi scientifici simili.
  3. Ci impegniamo a porre l'azione sul clima inclusiva al centro di tutte le decisioni urbane, per creare comunità fiorenti ed eque per tutti. Il nostro impegno include la protezione dei mezzi di sussistenza, la riduzione della povertà, il miglioramento della vita, la costruzione di società più eque e la garanzia di una transizione equa per coloro che lavorano nelle industrie ad alto tenore di carbonio. Il ritardo climatico sta già avendo conseguenze devastanti e l'impatto è sentito più gravemente dai meno responsabili delle emissioni che causano l'emergenza climatica. Condurremo un trasferimento urgente, fondamentale e irreversibile delle risorse globali lontano dai combustibili fossili e all'azione che media l'emergenza climatica, costruendo così una civiltà ecologica verde ed equa.
  4. Invitiamo i nostri partner - leader politici, amministratori delegati, sindacati, investitori e società civile - a unirsi a noi nel riconoscere l'emergenza climatica globale e aiutarci a realizzare un'azione basata sulla scienza per superarla. Imprese, governi, investitori, lavoro, società civile, cittadini e comunità colpiti in modo sproporzionato dai cambiamenti climatici e dalla povertà formeranno la coalizione necessaria per affrontare la crisi climatica. Lavoreremo in particolare a stretto contatto con i giovani nelle nostre città per contribuire a plasmare il futuro sostenibile che desiderano, fornendo un percorso dal far sentire la loro voce per le strade alla definizione di politiche e progetti nel governo della città.

Il sindaco di Los Angeles, Eric Garcetti, è stato annunciato oggi come presidente eletto di C40 Cities, in seguito al voto del comitato direttivo C40 dei sindaci di tutto il mondo.

Sindaco di Milano, Giuseppe Sala, disse:

“Come sindaco di Milano, sostengo fortemente il New Deal verde globale, perché corrisponde all'aspirazione della mia città di continuare a crescere sulla base di un modello di sviluppo che combini sostenibilità e inclusione. A Milano, la proposta di dichiarazione di emergenza climatica da parte del Consiglio Comunale ha ulteriormente rafforzato l'impegno di cittadini, studenti, scolari, imprese e il terzo settore. Credo che, allo stesso modo, un potente appello universale come il New Deal verde globale aiuterà molti governi delle città a riunire le parti interessate locali e fare squadra per affrontare congiuntamente la crisi climatica ".

Il sindaco di Stoccolma, Anna König Jerlmyr, ha dichiarato:

“Il Global Green New Deal definisce il modo in cui le città affrontano l'urgenza della crisi climatica globale. Stoccolma ha ridotto le sue emissioni di CO2 di quasi il 60% dal 1990. Nonostante questo, siamo costantemente alla ricerca di soluzioni innovative per intensificare il nostro lavoro insieme alle imprese, alla società civile e ai cittadini. Sono pronto ad accettare la sfida. Insieme, le città definiranno il futuro che vogliamo ".

Sindaco di Filadelfia, Jim Kenney, disse:

“Filadelfia è orgogliosa di unirsi alle nostre città pari per aprire la strada al riconoscimento dell'emergenza climatica globale. Non stiamo solo implementando i passi importanti e necessari per raggiungere gli obiettivi degli Accordi climatici di Parigi, ma stiamo ripensando il modo in cui viviamo nel 21st Century ”, ha affermato il sindaco Jim Kenney. “Come tutti sappiamo e come hanno dimostrato gli effetti dei cambiamenti climatici, non possiamo continuare a seguire la stessa strada. Il New Deal verde globale ribadisce il nostro impegno a intraprendere azioni coraggiose per il clima verso un futuro più sano e sostenibile. "

Lord Mayor of Sydney, Clover Moore, disse:

“Dopo oltre un decennio di impegnata azione per il clima, la città di Sydney ha dichiarato un'emergenza climatica a giugno. Chiediamo al nostro governo federale di spostarsi con urgenza per reintrodurre un prezzo sul carbonio in modo da poter raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni delineati nell'accordo di Parigi e istituire un'autorità di transizione giusta per garantire che gli australiani impiegati nelle industrie dei combustibili fossili trovino buoni lavori in un contesto verde economia. Sydney è orgogliosa di sostenere il New Deal globale verde annunciato oggi a Copenaghen e di lavorare con C40 Cities verso un futuro in cui tutti i cittadini possano guadagnare un salario vivente su un pianeta vivente. Gli effetti dell'emergenza climatica saranno avvertiti da tutti noi, ma soprattutto dalle nostre comunità più vulnerabili, remote ed emarginate e da coloro che vivono in condizioni di povertà. Spetta a tutti i governi ripensare il modo in cui funzionano le loro economie e offrire un maggiore sostegno sociale mentre agiscono urgentemente per far fronte all'emergenza climatica ".

Sindaco di Lisbona Fernando Medina, disse:

“Lisbona ha riconosciuto l'urgenza dell'azione per il clima più di un decennio fa, ma l'attuale emergenza globale per il clima richiede un'azione più rapida e coraggiosa. Le città possono avere l'impatto più significativo ed è per questo che le città C40 stanno guidando il New Deal verde globale, non solo con i nostri piani, ma con le nostre azioni. Siamo l'ultima generazione che può realizzare il cambiamento necessario. Dobbiamo tutti impegnarci in uno stile di vita a basse emissioni di carbonio e tutti dobbiamo impegnarci con noi stessi e con il pianeta. "

Sindaco di Heidelberg, Prof. Dr. Eckart Würzner, disse:

“In qualità di sindaco della città di Heidelberg, sostengo fortemente il New Deal verde globale della rete C40. Le città di tutto il mondo riconoscono attraverso movimenti come FFF, Scienziato per il futuro, Genitori per annunci futuri o di emergenza climatica, che la protezione del clima deve essere la motivazione principale di tutte le azioni politiche e immergersi in una nuova dimensione. Come sindaci abbiamo le conoscenze su come attuare progetti climatici a livello locale da molti anni. Ascoltiamo i nostri cittadini, ci concentriamo sull'accelerazione delle misure e mettiamo in atto decisioni politiche. Pensiamo globale e agiamo localmente. Abbiamo bisogno del sostegno di tutti i livelli governativi, in particolare per quanto riguarda la legislazione, i sussidi, le tasse e il sostegno finanziario per le città per implementare grandi progetti infrastrutturali per un futuro sostenibile per i nostri bambini. "

Sindaco di Auckland Phil Goff, disse:

 “Sostengo la richiesta del sindaco Garcetti per un New Deal verde globale e il suo riconoscimento che l'emergenza climatica che affrontiamo è di natura globale. Dobbiamo lavorare insieme - oltre i confini nazionali e internazionali, come individui, città e nazioni - per superare questa sfida e garantire un mondo sostenibile, giusto e abitabile per le generazioni future. ”

Sindaco di Toronto, John Tory, Ha dichiarato:

“Toronto riconosce l'urgenza della crisi climatica e si impegna a lavorare con i nostri residenti e le imprese per ridurre drasticamente le nostre emissioni di gas serra. È chiaro che questi cambiamenti hanno senso comune e, in ultima analisi, senso finanziario per le città, altri governi, istituzioni pubbliche e settore privato. La trasformazione a basse emissioni di carbonio dei settori chiave è ben avviata e sta creando posti di lavoro e migliorando la prosperità per i torontoniani ".

Sindaco di Londra, Sadiq Khan, disse:

“La dura realtà è che stiamo esaurendo il tempo per fermare i peggiori impatti dei cambiamenti climatici. Le città di tutto il mondo sono unite dalla nostra frustrazione per la mancanza di azioni del governo globale e sono lieto di unirmi ai miei colleghi sindaci nel chiedere un New Deal verde globale. A Londra stiamo aprendo la strada agli investimenti nell'economia verde, alla decarbonizzazione dei nostri edifici e alla consegna di posti di lavoro verdi, con le persone impiegate nel settore delle merci a basse emissioni di carbonio a Londra che sono aumentate del 58 per cento negli ultimi anni 10. Ora abbiamo bisogno che i governi soddisfino questa ambizione e adottino i principi del New Deal verde globale per creare più posti di lavoro e fornire i cambiamenti necessari alle infrastrutture per un mondo a zero emissioni. ”

Sindaco di Portland Ted Wheeler, disse:

 “Stiamo riunendo a Copenaghen sulla scia del Global Climate Strike. La prossima generazione si sta unendo per dirci che vogliono qualcosa di più di un semplice servizio labiale e che dobbiamo agire con urgenza e li sentiamo ”, ha affermato il sindaco di Portland Ted Wheeler. “Sono orgoglioso di far parte di C40 per entrare in contatto con altri sindaci per affrontare le cause e i sintomi alla radice di questa emergenza climatica globale. A Portland, abbiamo un esempio di come può apparire nel Portland Clean Energy Fund, guidato dalla comunità, che offre una visione per un "New Deal verde" su scala locale. Creata dai leader della giustizia climatica, questa iniziativa è un modello collaborativo tra la comunità e la città che guiderà gli investimenti verso l'efficienza energetica, le energie rinnovabili e altre soluzioni climatiche ".

Sindaco di Austin Steve Adler, disse:

"Insieme, le città stanno aprendo la strada a soluzioni per la nostra emergenza climatica globale", ha affermato Steve Adler, sindaco di Austin. "I sindaci e altri leader civici rappresentano un'ondata di forte speranza in cui conta ... nella pianificazione municipale, nell'impiego delle risorse e in altre politiche che modellano il modo in cui le persone vivranno e prospereranno in un futuro a emissioni zero".

Sindaco di Seattle Jenny Durkan, Ha dichiarato:

“L'emergenza climatica globale è una delle minacce più gravi che affrontiamo. L'incapacità dell'attuale presidente americano di condurre la nostra crisi climatica globale significa che le città devono agire con coraggio ", ha affermato il sindaco di Seattle Jenny Durkan. “Città come Seattle continueranno a guidare il mondo nella nostra lotta contro i cambiamenti climatici e nella nostra lotta per soluzioni che promuovano l'equità, la salute e la prosperità per tutti. Man mano che avanziamo con il nostro New New Deal verde a Seattle, continueremo a creare più edifici ecologici, forniremo il trasporto gratuito ai giovani e ai nostri vicini a basso reddito, elettrificeremo i nostri veicoli e autobus e creeremo una città con meno auto e percorsi più sicuri per camminare, andare in bicicletta e rotolare. "

Sindaco di Montréal Valérie Plante, disse:

“Nell'emergenza climatica l'unica risposta possibile è agire. L'intensità e la frequenza di alcune variazioni climatiche aumenteranno e Montreal è pronta a rispondere con un'azione coraggiosa. Insieme ad altre città, ci siamo impegnati a rispettare la Carta One Planet, Deadline 2020, il Compact of Mayors e la dichiarazione del Summit dei leader municipali a Parigi 2015. Riconoscendo l'emergenza climatica e impegnandosi a diventare carbon neutral entro il 2050, Montreal ha mettere la lotta al cambiamento climatico al centro dei nostri impegni ".

Sindaco di New York City Bill de Blasio disse:

“I sindaci sanno che non vediamo l'ora di affrontare la crisi climatica globale. Ecco perché stiamo intervenendo a New York, dove stiamo affrontando la crisi frontalmente con il nostro New Deal verde e costruendo una città più giusta per tutti. Siamo la prima città al mondo a richiedere retrofit di efficienza energetica e ci impegniamo a raggiungere la neutralità del carbonio da parte di 2050 e a cedere le nostre pensioni alle società di combustibili fossili. New York City è il luogo in cui dimostreremo che il New Deal verde può essere una realtà. "

Sindaco di Rio de Janeiro Marcelo Crivella, Ha dichiarato:

“La città di Rio de Janeiro abbraccia gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite e l'accordo di Parigi. In qualità di partner del C40, Rio è pienamente identificata con la proposta del Global Green New Deal e la riduzione delle emissioni di gas serra, soprattutto nella mobilità urbana ".

Il sindaco di San Paolo Bruno Covas, ha dichiarato:

“L'emergenza climatica è un'agenda che deve essere riconosciuta per tutti e le città hanno un ruolo importante nella lotta ai cambiamenti climatici. Assumere le nostre responsabilità è un impegno che abbiamo con le generazioni presenti e future ”.

Il sindaco di Berlino Michael Müller, disse:

“Quando si tratta di protezione del clima, le città svolgono un ruolo fondamentale nel plasmare un futuro vivibile per il nostro pianeta. Le maggiori sfide ambientali possono essere superate solo se ci concentriamo sulla giustizia sociale e non perdiamo di vista la prospettiva economica. Di conseguenza, il programma di protezione per l'energia e il clima di Berlino include la creazione di alloggi più convenienti ed efficienti dal punto di vista energetico, rendendo il trasporto pubblico ancora più attraente ed economico e la creazione di posti di lavoro investendo nelle energie rinnovabili ".

Il governatore di Tokyo, Yuriko Koike, ha dichiarato:

“Tokyo ha implementato misure molto avanzate sul cambiamento climatico. Nel frattempo, gli impatti del cambiamento climatico, come acquazzoni di intensità senza precedenti, stanno diventando sempre più gravi. Per proteggere la vita e le proprietà dei cittadini e per aiutare a decarbonizzare il mondo, Tokyo ha dichiarato che cercherà di raggiungere l'obiettivo di 1.5 gradi ed entro il 2050, diventare una 'Tokyo a emissioni zero' che contribuisce alle emissioni nette di carbonio a zero del mondo . Pur ricevendo il sostegno e la cooperazione dei cittadini di Tokyo, lavoreremo con le città del mondo per impegnarci in questioni ambientali su scala globale. Continueremo a crescere come una città attraente che attira persone e aziende e spiana la strada a un futuro luminoso per tutti ".

Il sindaco di Atene Kostas Bakoyannis, ha dichiarato:

“Ad Atene, sentiamo già gli impatti dei cambiamenti climatici che devono affrontare ondate di caldo estremo mentre aumenta il numero di persone colpite dalla povertà energetica e dall'insicurezza. Le nostre decisioni e azioni sono guidate dalla necessità di migliorare la qualità della vita dei nostri cittadini e di creare una città sostenibile, più sicura e più verde; questo è il futuro che vogliamo per i nostri figli. Per attuare un'azione efficace per il clima dobbiamo lavorare con tutte le parti interessate ma, soprattutto, avere i cittadini dalla nostra parte, spiegando che nessuno sarà escluso e tutti ne trarranno beneficio. Questo è il Green New Deal di Atene e siamo determinati a continuare a lavorare a stretto contatto con le città C40 per raggiungere i nostri obiettivi comuni ".

Vice Sindaco di Madrid Begoña Villacís, disse:

“I cambiamenti climatici minacciano il modo in cui viviamo, i beni che produciamo e l'ambiente che ci protegge. I nostri cittadini e le generazioni future ci giudicheranno in base agli sforzi che facciamo e alle azioni che siamo in grado di attuare in tempo, già ora, per combattere i cambiamenti climatici e mitigarne gli impatti negativi sulle nostre città. Sosteniamo pienamente i principi del New Deal verde globale in quanto stabiliscono la visione ambiziosa richiesta e chiedono un'azione efficace verso il nostro obiettivo comune di un futuro verde, sostenibile e privo di emissioni di carbonio ”.

Sindaco di Seoul Park vinto presto, Ha dichiarato:

“La rapida urbanizzazione e l'espansione economica indifferente alle preoccupazioni ambientali hanno esposto Seoul alle ondate di calore, al grave inquinamento atmosferico e ad altri gravi effetti della crisi climatica. Quel che è peggio è che quelli isolati nella rapida crescita economica ne sopportano il peso. Al fine di garantire che l'azione per il clima, la prosperità e la giustizia sociale vadano di pari passo, Seoul perseguirà il nostro New New Deal verde promuovendo, tra le altre cose, tecnologie ecologiche. Soprattutto, faremo in modo che i vantaggi del New Deal verde siano equamente condivisi con ognuno della nostra comunità in modo che nessuno venga lasciato indietro. "

Il sindaco di Oslo, Raymond Johansen, ha dichiarato:

“Il nostro pianeta è in uno stato di crisi climatica e naturale. Le persone vengono private dei loro mezzi di sussistenza a causa del pericoloso cambiamento climatico. La biodiversità del nostro pianeta, da cui dipende tutta la vita, è minacciata dagli interventi umani e da un clima più caldo. Il contenimento delle emissioni e la riduzione della perdita di specie sono le maggiori sfide del nostro tempo. A Oslo abbiamo dichiarato una crisi climatica e naturale e miriamo a trasformare Oslo in una città a emissioni zero entro il 2030. Ora è il momento giusto per agire sul clima e proteggere la natura e la biodiversità ".

Sindaco di Barcellona, ​​Ada Colau, disse:

“L'emergenza climatica globale rappresenta una delle sfide più complesse e urgenti che le città devono affrontare. Riguarda il modello di crescita che vogliamo, non per domani, ma per i prossimi decenni. Barcellona è determinata ad applicare un "New Green Deal", una rivoluzione verde per ricostruire la città metropolitana. Lo facciamo mettendo al centro la vita dei bambini e delle persone più vulnerabili. Con un piano verde per la città basato su un cambiamento del modello urbano ed economico e dalla capacità di azione di una città coraggiosa che si confronta con l'economia speculativa che ci ha portato qui. Abbiamo bisogno di un'alleanza internazionale di città. Sono finiti i giorni delle diagnosi e delle dichiarazioni senza impegno: bisogna agire ”.

Vice Sindaco di Amsterdam, Marieke van Doorninck, disse:

“Amsterdam è il primo comune olandese a riconoscere la crisi climatica. Siamo pienamente impegnati nella transizione energetica e nel riciclaggio delle risorse. Pertanto, scegliamo di creare quartieri senza gas, modi più ecologici per generare elettricità e riscaldamento, drastici risparmi energetici e traffico a emissioni zero. Preveniremo lo spreco e la perdita di risorse creando il più possibile circuiti chiusi. Diverse iniziative sono state intraprese per garantire che Amsterdam la interpreti, come lo sviluppo della Roadmap Amsterdam Climate Neutral 2050, lo sviluppo di una nuova strategia circolare entro la fine di 2019 e misure per la mobilità a emissioni zero. ”

Jamie Margolin, fondatore di Zero Hour e co-direttore esecutivo, disse: “Questa era è per tutti. Non riguarda solo gli Stati Uniti, non si tratta nemmeno di un atto legislativo specifico, si tratta di un cambiamento globale di valori, ideali e modi di relazionarsi gli uni con gli altri e con la terra. Ciò di cui abbiamo bisogno in tutto il mondo è più della sostenibilità, perché non possiamo sostenere la distruzione che stiamo causando alla terra, o il capitalismo che fa venire le vertigini ai nostri leader con fantasie di crescita economica infinita che semplicemente non è possibile sulla nostra terra. Abbiamo bisogno dell'era del green new deal e sta arrivando a livello globale ".

Helen Clarkson, CEO di The Climate Group ha dichiarato: “Il mondo si è svegliato alla crisi climatica e abbiamo bisogno di azioni urgenti e immediate per dimezzare le emissioni nel prossimo decennio. Non possiamo permetterci di aspettare che i governi nazionali agiscano. È necessaria una maggiore collaborazione tra imprese, città, stati e regioni. Già, il nostro lavoro con le aziende mostra che vicino alle multinazionali 300 che rappresentano un fatturato combinato di 5.5 $ trilioni di dollari, ora stiamo alimentando la domanda di energia rinnovabile, trasporto elettrico e consumo di energia più intelligente in più dei mercati 140 in tutto il mondo attraverso le nostre iniziative.

“La coalizione Under2 di stati e regioni, per la quale siamo segreteria, è stata anche riconosciuta come un'iniziativa internazionale con uno dei più alti potenziali di riduzione delle emissioni. Insieme stanno spostando i mercati, riducendo le emissioni e contribuendo a favorire la prosperità. È bello vedere i sindaci di C40 portare avanti il ​​New Deal verde globale e non vediamo l'ora di lavorare insieme per un futuro in cui il riscaldamento è limitato a 1.5C e con una maggiore prosperità per tutti. ”

Stephen Cotton, Segretario generale, Federazione internazionale dei lavoratori dei trasporti, ha dichiarato: “Siamo nel mezzo di un'emergenza climatica. I cambiamenti climatici colpiscono in modo sproporzionato i poveri, i giovani e i vulnerabili. La minaccia è impossibile da ignorare per i lavoratori dei trasporti di tutto il mondo. Oltre a ciò, una Transizione giusta - con persone al centro e lavoratori e i loro sindacati al tavolo dei negoziati - è ora vista come un'enorme opportunità per creare buoni posti di lavoro, eliminare la povertà, arricchire l'occupazione e consolidare il lavoro dignitoso nel trasporto urbano.

“Non ci sono lavori su un pianeta morto. Se i governi nazionali non sono disposti o incapaci di agire, le città devono agire. L'ITF sostiene con tutto il cuore i principi 4 del Global Green New Deal: collaboreremo e coopereremo con i governi municipali e i datori di lavoro urbani per realizzare una giusta transizione per i lavoratori dei trasporti e i cittadini di tutto il mondo. "

May Boeve, direttore esecutivo di 350.org, ha dichiarato: “Non lasciarti abbattere dai presidenti di estrema destra. C'è una leadership sulla crisi climatica evidente in tutto il mondo: il cambiamento sta arrivando e abbiamo bisogno di un nuovo accordo globale verde che affronti le cause alla radice della crisi climatica e della disuguaglianza. Un nuovo accordo verde globale è più che eliminare gradualmente i combustibili fossili o aumentare il trasporto pubblico pulito e ridurre le emissioni del settore edile - si tratta di lottare per un mondo giusto e sostenibile che funzioni per tutti noi. Le città saranno strumentali nel trasformare la visione del New Deal verde in una realtà; ed è per questo che è importante che i governi locali centrino le loro azioni su principi che proteggano i lavoratori, le comunità, i diritti della natura e i diritti delle generazioni future. "

Sheela Patel, direttore fondatore, Society for Promotion of Area Resource Centres (SPARC), e presidente, Shack / Slum Dwellers International (SDI), hanno dichiarato: 

“Il cambiamento climatico e l'informalità dell'habitat e dei mezzi di sussistenza sono una realtà del 21 ° secolo che non può essere eliminata, ma viene costantemente negata dalla leadership nazionale e delle città. Affrontarli con urgenza con questa nuova mentalità e visione trasformativa è l'unica strada da percorrere ".

Kate Raworth, Donut Economics, ha dichiarato: “Il Global Green New Deal è la prova dello slancio che le città più influenti del mondo possono creare quando aumentano la loro ambizione collettiva. Sono lieto di lavorare con alcune delle città più pionieristiche tra loro per esplorare cosa significa essere una città fiorente, che rispetta il benessere di tutte le persone e dell'intero pianeta. Non è una sfida facile, ma le città del C40 sanno che ora è il momento di affrontarla. "

Connie Hedegaard, ex commissario europeo per il clima, disse:

“Le città sono le più vicine ai cittadini quando si tratta di fornire soluzioni climatiche - e dimostrando che sebbene la transizione sia impegnativa, abbiamo un'enorme opportunità per creare un tipo di crescita più intelligente, un modo di vivere di cui le persone vogliono far parte. Se fossimo più bravi a imparare gli uni dagli altri, potremmo arrivare alle soluzioni su larga scala di cui abbiamo bisogno più velocemente. Questo è ciò di cui si occupa C40. "

Nigel Topping, CEO, We Mean Business, ha dichiarato: “La scienza è chiara, l'azione per il clima deve essere al centro di qualsiasi piano strategico per la creazione di buoni posti di lavoro e comunità sane e prospere. Non agire sul clima non è un'opzione, le imprese e intere economie stanno già subendo gli impatti e coloro che si stanno riorganizzando per un futuro a zero emissioni di carbonio ora sono quelli che saranno meglio preparati per essere i motori economici e i datori di lavoro del futuro: le città e i governi che fanno lo stesso saranno dove sceglieranno di posizionarsi ".

Lo Vertice dei sindaci mondiali C40 è reso possibile con il supporto di Grundfos, Novo Nordisk, Dell Technologies, IKEA, Microsoft, Rambøll, Velux, The Bernard van Leer Foundation.

- ENDS -

Informazioni sulle città C40

In tutto il mondo, C40 Cities collega 94 delle più grandi città del mondo per intraprendere azioni audaci sul clima, aprendo la strada verso un futuro più sano e sostenibile. Rappresentando 700 + milioni di cittadini e un quarto dell'economia globale, i sindaci delle città C40 si impegnano a raggiungere gli obiettivi più ambiziosi dell'Accordo di Parigi a livello locale, nonché a pulire l'aria che respiriamo. L'attuale presidente di C40 è il sindaco di Parigi Anne Hidalgo; e il sindaco di New York di tre anni Michael R. Bloomberg è presidente del consiglio di amministrazione. Il lavoro di C40 è reso possibile dai nostri tre finanziatori strategici: Bloomberg Philanthropies, Children's Investment Fund Foundation (CIFF) e Realdania.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti