I progressi di Brain Tech mostrano un urgente bisogno di `` diritti neurologici ''

Il presidente cileno Sebastian Pinera, visto nel 2020, ha incoraggiato i paesi a lavorare insieme per legiferare sui "neuro-diritti"
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Quando Barack Obama ha lanciato l'iniziativa Transhuman / Technocrat chiamata Brain Research through Advancing Innovative Neuro-technologies (BRAIN) nel 2013, era certo che avrebbe causato campanelli d'allarme poiché il cervello veniva "mappato" e poi manipolato. Hai diritto ai tuoi pensieri autonomi? ⁃ TN Editor

Mentre il thriller di fantascienza “Inception” ha raggiunto i botteghini in tutto il mondo, il pubblico è rimasto deliziato e sconvolto dalla storia futuristica di una banda criminale che invade i sogni delle persone per rubare dati preziosi.

Più di un decennio dopo, la tecnologia immaginata dal regista Christopher Nolan probabilmente non è lontana, secondo gli esperti cileni, che hanno spostato il dibattito sulla sicurezza oltre gli allarmi antifurto per salvaguardare il patrimonio immobiliare più prezioso mai posseduto dalle persone: le loro menti.

La nazione sudamericana mira a essere la prima al mondo a proteggere legalmente i "neuro-diritti" dei cittadini, con i legislatori che dovrebbero approvare una riforma costituzionale che blocchi la tecnologia che cerca di "aumentare, diminuire o disturbare" l'integrità mentale delle persone senza il loro consenso.

Il senatore dell'opposizione Guido Girardi, uno degli autori della normativa, è preoccupato per la tecnologia - siano essi algoritmi, impianti bionici o qualche altro gadget - che potrebbe minacciare "l'essenza degli umani, la loro autonomia, la loro libertà e il loro libero arbitrio".

"Se questa tecnologia riesce a leggere (la tua mente), prima ancora che tu sia consapevole di ciò che stai pensando", ha detto all'AFP, "potrebbe scrivere emozioni nel tuo cervello: storie di vita che non sono le tue e che il tuo cervello non sarà in grado di distinguere se fossero tuoi o il prodotto di designer. "

- "Impedisci manipolazione" -

Decine di romanzi e film di fantascienza hanno offerto al pubblico il lato oscuro della neurotecnologia, forse invocando menti criminali nascoste in roccaforti segrete, manipolando il mondo con una risata vile mentre accarezzava un gatto.

In effetti, la nascente tecnologia ha già dimostrato come possa avere applicazioni significativamente positive.

Nel 2013, l'allora presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha promosso l'iniziativa BRAIN (Brain Research through Advancing Innovative Neuro-technologies), che mirava a studiare le cause dei disturbi cerebrali come l'Alzheimer, il Parkinson e l'epilessia.

Tornato in Cile, il ministro della Scienza Andres Couve ha detto all'AFP che il dibattito sui neuro-diritti "fa parte di un consolidamento di una nuova istituzionalità scientifica nel paese che ora sta catturando l'attenzione internazionale".

Ma molti sono preoccupati per la possibilità che attori malvagi abusino dei progressi tecnologici.

Il presidente del Cile Sebastian Pinera ha proposto al vertice iberoamericano della scorsa settimana in Andorra che i paesi legiferino insieme sulla spinosa questione.

“Chiedo a tutti i Paesi iberoamericani di anticipare il futuro e di proteggere adeguatamente, ora, non solo i dati e le informazioni dei nostri cittadini, ma anche i loro pensieri, i loro sentimenti, le loro informazioni neuronali, per evitare che vengano manipolati dalle nuove tecnologie ", Ha detto il conservatore Pinera.

Il disegno di legge cileno contiene quattro campi principali della legislazione: protezione dei dati della mente umana, o neurodati; fissare limiti alla neuro-tecnologia della lettura e soprattutto della scrittura nel cervello; stabilire una distribuzione e un accesso equi a queste tecnologie; e porre limiti ai neuro-algoritmi.

Lo scienziato spagnolo Rafael Yuste, esperto in materia della Columbia University di New York, ha detto all'AFP che alcune di queste tecnologie esistono già, e anche la più remota sarà disponibile entro 10 anni.

- 'Un nuovo Rinascimento' -

Vengono già applicati agli animali nei laboratori.

Gli scienziati hanno sperimentato con i ratti, impiantando immagini di oggetti sconosciuti nel loro cervello e osservando come accettano quegli oggetti nella vita reale come propri e li incorporano nel loro comportamento naturale.

“Se puoi entrare lì (nei processi chimici del cervello) e stimolarli o inibirli, puoi cambiare le decisioni delle persone. Questo è qualcosa che abbiamo già fatto con gli animali ", ha detto Yuste.

La scienza ha aperto la possibilità di progettare esseri umani ibridi con capacità cognitive potenziate artificialmente.

Il rischio è che, senza adeguate garanzie, la tecnologia possa essere utilizzata per alterare i pensieri delle persone, impiegando algoritmi via Internet per riprogrammare i loro cablaggi, per dettare i loro interessi, preferenze o modelli di consumo.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
3 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Wendy Wallace

L'unica protezione è l '"elmo della salvezza", Efesini 6:17, Bibbia di Re Giacomo