I "Fact Checkers" sono le camicie marroni digitali della tecnocrazia

Per favore, condividi questa storia!
I fact-checker sono gli "utili idioti" dei tecnocrati; spesso lavori a basso costo, di livello base, occupati da partigiani inesperti che sanno poco o nulla degli argomenti che controllano. Tuttavia, questi diventano gli "esperti" indiscussi che possono dettare la narrativa a cui devi credere, per non essere anche verificato e cancellato per non aver marciato in conformità. ⁃ Editore TN

Siamo sotto assedio. Un fanatismo nichilista corre libero tra noi grazie all'emergere di un “ethos” giornalistico che stabilisce un'equivalenza quasi completa tra la “verità” e quelle espressioni che sostengono gli obiettivi strategici delle grandi potenze economiche e digitali del nostro tempo.

Alcuni mesi fa Facebook ha censurato un articolo nel British Medical Journal che ha evidenziato gravi irregolarità negli studi clinici sui vaccini di Pfizer. Poi due settimane fa, i fact-checker dei siti web spagnoli Newtral e Maldita hanno fatto irruzione nella pubblica piazza per accusare il professore di farmacologia, noto esperto di sicurezza dei farmaci ed ex consigliere dell'OMS, Joan Ramón Laporte, di aver rifilato bugie e disinformazione alla popolazione spagnola . Questo, in reazione alla testimonianza di Laporte davanti a una commissione parlamentare spagnola che indaga sullo sforzo di vaccinazione del Paese.

Nonostante le sue imponenti credenziali, il suo intervento è stato rapidamente etichettato come problematico dai media e successivamente bandito da YouTube. Il delitto di questo nuovo Galileo Galilei? Avvertire i parlamentari riuniti dell'esistenza di gravi irregolarità procedurali nelle prove per i vaccini e mettere in discussione la saggezza di una strategia sanitaria che mira a iniettare in ogni bambino spagnolo di età superiore ai sei anni un nuovo farmaco, mal testato e in gran parte inefficace.

Questo incidente rivela che i fact-checker attaccheranno chiunque non accetti la verità come dettata dai grandi centri economici e di governo del mondo. Questo non è il solito offuscamento dei media ufficiali a cui ci siamo abituati nel corso degli anni, ma piuttosto un espediente intimidatorio maccartista sfacciato, progettato per spaventare i cittadini alla sottomissione facendo appello ai loro istinti più bassi e ignobili, un approccio messo a nudo nel compiaciuto di Maldita e lo slogan manicheo: "Unisciti a noi e sostienici nella nostra battaglia contro la menzogna".

Sotto questa rigida logica binaria, uno scienziato di fama internazionale come Laporte non ha nemmeno l'opportunità di essere giudicato sbagliato o fuorviato in buona fede. Piuttosto, viene subito accusato di essere un bugiardo volontario e pericoloso che deve essere immediatamente bandito dalla vista del pubblico.

I fact-checker come distruttori della scienza e della sfera pubblica.

Al giorno d'oggi la parola "fascista" è usata in modo così dissoluto che ha perso gran parte del suo significato. Ma se siamo davvero seri nel descrivere la logica operativa di entità fact-checking come Maldita e Newtral dobbiamo ricorrere proprio a quel termine, aggiungendo il prefisso “neo” per evitare confusione con la versione originaria di questa sensibilità totalitaria.

Mentre il modello originale del fascismo cercava di imporre il conformismo sociale attraverso l'intimidazione fisica, la nuova variante cerca di farlo imponendo in modo aggressivo i parametri "accettabili" (al grande potere, ovviamente) sia del discorso scientifico che dell'idea di sfera pubblica, un prodotto diretto, come la scienza, dell'Illuminismo. Il loro obiettivo è liquidare questi spazi di dibattito imperfetti ma essenziali in tutto tranne che nel nome, e quindi privarci di due degli unici veicoli rimasti che abbiamo per difenderci dagli abusi inflitti dallo stato liberale e dai suoi alleati corporativi e militari.

L'industria del fact-checking è nata come conseguenza delle fake news, quella grande crisi inventata il cui unico obiettivo era fornire un pretesto per rafforzare il controllo delle élite su qualsiasi impulso democratico che potesse sorgere in risposta all'imposizione improvvisa e spesso dura del neoliberismo e del digitale tecnologie nelle nostre vite.

Ma quello che inizialmente era iniziato come un tentativo patetico, esagerato e classista di impedire ai non lavati anche solo di considerare, per esempio, che le persone nell'entourage di Hillary Clinton avrebbero potuto prostituire minorenni nel seminterrato di una pizzeria, si è rapidamente trasformato, durante l'era del Covid, in qualcosa di molto più sinistro e consequenziale.

Ora è il randello minaccioso di un esercizio in continua crescita di potere corporativo e statale illegittimo, un'arma che consente alle élite di scomparire efficacemente esperti di fama mondiale come Laporte che osano anteporre gli interessi della società agli interessi economici e ai programmi di controllo di Big Pharma e Big Tech.

Queste camicie brune digitali sono solo gli elementi più visibili e lungimiranti di uno sforzo molto più ampio per installare la logica dell'algoritmo - un concetto di verità provvidenziale e imposto verticalmente che vizia l'indagine tradizionale e non ammette né l'intelligenza umana né il dibattito scientifico - come pietra angolare delle nostre interazioni umane e dei processi cognitivi. In questo paradigma, una relazione lineare tra potere e verità si presenta come del tutto e del tutto naturale.

Analizzate in questa luce, potremmo dire che, mentre le diffamazioni lanciate contro Laporte da Maldita e Newtral non sono di origine algoritmica in senso stretto, sono profondamente algoritmiche nello spirito in quanto sono progettate, come le ben pubblicizzate, seppur completamente errate, epidemiologiche di Neil Ferguson. modelli, per anticipare radicalmente la ricerca della verità nel tempo attraverso l'osservazione empirica e il dibattito informato.

I metodi utilizzati da questi verificatori di fatti per dettare ciò che deve essere presentato al pubblico come "vero" operano in base a pochi standard procedurali, se non nulli. Piuttosto, nel formare le loro "argomentazioni" sembra che scelgano semplicemente le opinioni di uno o due esperti noti per essere d'accordo con il particolare progetto "algoritmico" di cambiamento sociale o mobilitazione sociale.

Questo, a prescindere dal divario, a volte enorme, tra le scarse credenziali e l'esperienza sul campo degli esperti conformi ai progetti (per non parlare dei giornalisti che controllano i fatti) e la dimostrata abilità e fama internazionale degli oggetti dei loro sforzi nella pulizia cognitiva come Laporte, o prima nella crisi del Covid, Michael Levitt e John Ioannidis.

In breve, questi processi di verifica dei fatti non seguono né i principi di base dell'etica giornalistica - che richiede di entrare in una data questione senza alcun presupposto indebitamente forte - né il necessario avanti e indietro del metodo scientifico, che assicura, o almeno è volte ad assicurare che le opinioni dissidenti siano considerate nel processo di definizione operativa, anche se sempre provvisoria, di nozioni di verità.

L'unica "forza" riconoscibile che hanno i nuovi verificatori di fatti - e qui vediamo forse il collegamento più chiaro con i teppisti che furono schierati strategicamente da Mussolini e Hitler - è il loro sostegno dai più alti livelli del potere sociale ed economico.

La gravità della situazione attuale sta nel modo in cui i verificatori di fatti si sono – prima dell'acquiescenza spesso sbalordita di gran parte dell'accademia stessa – arrogati con successo a se stessi il diritto, a tutti gli effetti pratici, di distruggere la libertà quotidiana e autorità epistemica degli scienziati, così come i processi volti a isolare l'indagine intellettuale dagli indebiti impatti del potere concentrato, o per dirla più semplicemente, dalla possibilità che una mediocrità sponsorizzata dall'oligarchia, o un insieme di mediocrità, possa cancellare sommariamente l'ampia saggezza istituzionalmente riconosciuta di un Joan Ramon Laporte.

L'autoritarismo dei fact-checker non solo paralizza la scienza, ma annulla di fatto l'idea stessa di sfera pubblica, naturalizzando l'idea che lo scambio di idee robusto, ea volte conflittuale, sia in qualche modo perverso. C'è da stupirsi che osservando un mondo come questo, molti dei nostri studenti, che alla loro età dovrebbero essere pieni di desiderio di sani conflitti al servizio della crescita, ci abbiano confessato in privato entrambi quanto hanno paura di esprimersi liberamente e apertamente in classe?

Se i fact-checker, in gran parte anonimi, sono le truppe d'assalto di questa campagna per scavalcare sia il rigore epistemologico che l'idea della sfera pubblica, i "spiegatori scientifici" unti dai media sono i suoi generali sul campo.

Non c'è, ovviamente, nulla di sbagliato nel cercare di rendere accessibili al grande pubblico campi spesso arcani della conoscenza. In effetti, quando fatto bene da un vero scienziato come Carl Sagan, è un'arte alta.

Il problema viene, come spesso accade oggi, quando il divulgatore non ha la comprensione dei dibattiti fondamentali sul campo e, da lì, la capacità di guadare con sicurezza in essi come partecipante. Dolorosamente consapevoli di essere sopra la sua testa, faranno ciò che la maggior parte delle persone incapaci di competere per i propri meriti nel campo a cui sono state assegnate tende a fare: cercare la protezione nelle braccia del potere.

Ciò produce una realtà perversa, in cui le persone apparentemente incaricate di presentare al pubblico la complessità sia della scienza che delle politiche pubbliche, finiscono per proteggerle dalla conoscenza di entrambe. E sapendo che la loro continua importanza dipende dal compiacere i poteri che li hanno elevati alla ribalta e che stanno cercando di distruggere le epistemologie della conoscenza esistenti al fine di facilitare l'imposizione della loro logica algoritmica, si divertono a deridere quelle poche persone altamente qualificate che hanno decisero di non rinunciare ai loro principi di fronte al costante assalto propagandistico.

Un buon esempio di questa pratica di teppismo in Spagna è Rocio Vidal, che lavora per La Sexta, la rete televisiva più seguita del paese. Da una sedia girevole nel suo ufficio a casa, ridicolizza chiunque, dal cantante e attore Miguel Bosé al responsabile delle malattie allergiche all'ospedale Ourense in Galizia, metta in dubbio il dogma ufficiale della virulenza senza precedenti del Covid e le evidenti meraviglie di i vaccini. Il reato specifico del medico galiziano? Affermando che i vaccini Covid mRNA non completamente testati, in realtà, non sono completamente testati e quindi sono per definizione sperimentali.

Quello che stanno facendo questi influenzatori medici, senza dubbio con la piena conoscenza, approvazione e forse anche formazione dei grandi poteri finanziari, governativi e farmaceutici è di effettuare – sotto la rubrica della libertà di stampa – un rapido sorpasso delle istituzioni che, con tutti i loro difetti, hanno da tempo garantito una struttura più o meno affidabile per l'aggiudicazione di affermazioni concorrenti di verità scientifica. Non abituati all'aggressività, all'implacabilità e alla velocità di questi attacchi, la maggior parte dei medici ha, purtroppo, reagito come il proverbiale cervo alla luce dei fari, sperando contro ogni speranza che questa piaga del vandalismo intellettuale in qualche modo, in qualche modo, venga posta fine. Ma sembrerebbe che nessun sollievo del genere sia in vista.

Forse l'aspetto più pericoloso di questa logica e prassi inquisitoria a lungo termine è che cerca di far credere ai cittadini che non esiste alcuna relazione tra scienza e politica e che la politica - l'arte del dissenso - è una pratica pericolosa che deve essere evitata da ogni cittadino coscienzioso.

I fact-checker come i grandi proprietari terrieri del nuovo mondo virtuale.

Dobbiamo affrontare il fatto che le agenzie di verifica delle notizie fanno parte del quadro di controllo globale messo in atto da coloro che rivendicano per se stessi il diritto di essere i proprietari di tutto il nostro tempo e di tutte le nostre azioni. Dietro i servizi software di verifica delle informazioni come Newsguard, troviamo ferventi difensori dello spionaggio illegale su cittadini come l'ex capo della CIA e della NSA e spergiuro del Congresso Michael Hayden, e il leader della squadra di assassini dell'esercito americano Stanley McChrystal.

L'International Fact-Checking Network a cui appartengono le suddette agenzie spagnole di fact-checking Maldita e Newtral è finanziato in parte da Pierre Omidyar, fondatore di eBay e uno dei principali attori, tra le molte altre losche attività oligarchiche, l'Alleanza per la sicurezza collegata alla NATO Democrazia.

Non c'è niente di politicamente neutrale in queste persone. Né nessuno di loro ha mai mostrato una grande predilezione o sostegno per la ricerca intellettuale disinteressata. Ciò che tutti e tre hanno mostrato in abbondanza è un costante piacere nello schierare il potere per l'attuale ordine globale guidato dagli Stati Uniti e nell'esercizio di schemi di controllo sugli altri spesso brutalmente amministrati.

L'obiettivo principale dei fact-checker, come riconosciuto, ad esempio, da Newtral sul suo sito Web, è utilizzare algoritmi per raccogliere e gestire le informazioni sui cittadini e, in questo modo, inaugurare una nuova era in cui le menti degli individui saranno così senza soluzione di continuità “prediretto” a fini e comportamenti “positivi” e “benevoli” (così definiti dai membri delle classi illuminate) che la politica in tutte le sue forme finirà per essere vista come superflua.

Questo spiega perché, tra loro, Google e Facebook impiegano attualmente 40,000 "verificatori" che esercitano una censura invisibile volta a influenzare la nostra percezione del mondo in modi ritenuti "costruttivi" dai controllori di quelle aziende e da coloro con cui hanno contraffatto alleanze politiche e commerciali.

Questi sforzi sono al centro del vangelo post-umanista predicato da persone come Klaus Schwab e Ray Kurzweil. Il loro chiaro messaggio per noi sul mondo a venire è che mentre potresti nascere libero, il tuo destino e il progetto del tuo essere - e ciò che chiamavamo la sua sensibilità unica - sarà saldamente affidato agli altri. Come chi? Come i suddetti gentiluomini e i loro amici che, ovviamente, hanno una mente molto più lungimirante della tua.

Ma se c'è una cosa che le camicie brune digitali temono più di quanto la strega cattiva dell'Occidente abbia paura dell'acqua, è la vera politica. Finora, questi terroristi dell'informazione sono stati in grado di sfruttare la nostra naturale indulgenza nei confronti del valore della libertà di parola per i propri fini. Cerchiamo di essere chiari. Questi censori sono, in effetti, coinvolti in frodi di massa dei consumatori. E se è illegale vendere carne di cavallo come carne di manzo e zucchero raffinato come integratore nutrizionale, allora dovrebbe anche essere illegale per i sicari arrogarsi il diritto di definire la verità e distruggere processi e istituzioni deliberative di vecchia data.

Purtroppo, tuttavia, non possiamo aspettare che le nostre classi politiche profondamente compromesse assumano la guida di questo necessario procedimento penale. Piuttosto noi, come cittadini informati, dobbiamo prendere l'iniziativa nel denunciare questi vandali e i poteri che li hanno cinicamente scatenati sui nostri spazi scientifici e civili condivisi.

In questo processo, dobbiamo aiutare i nostri cittadini sempre più attuali, schiavi dell'idea - così utile alle élite - che il mondo è fondamentalmente entropico, che questi nichilisti non sono apparsi sui loro schermi TV per caso, ma piuttosto che sono stati messi lì per fare il lavoro sporco di qualcun altro, e che la nostra sopravvivenza come persone libere dipende dalla tenacia con cui dare la caccia a quegli “altri” e sottoporli a uno dei tipi più fondamentali di azione politica: la giustizia popolare.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

7 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
sto solo dicendo

I fact checker sono camicie marroni digitali? SÌ! TUTTI i media sono camicie marroni? SÌ! L'opposizione controllata sta funzionando abbastanza bene. Quasi tutti credono a quello che dicono. L'altro giorno ho provato a parlare con un cliente anziano e la nostra conversazione è diventata silenziosa quando ho cercato di mostrare le bugie che venivano dette in televisione, quella che è stata l'ultima elezione di cui ho parlato a malapena, e il suo esito e il Covid. Ha detto "Ero una brava ragazza e mi sono vaccinata". La prova è dove vivo di più indossano ancora le maschere!.

Ultima modifica 8 mesi fa di un utente anonimo

[…] Leggi l'articolo originale […]

Freeland_Dave

Verificatori di fatti. Due parole. Totalmente inutile! Gran parte di essa oggi è IA e non è molto intelligente. Per esempio. L'IT cerca diverse parole d'ordine o frasi che qualcuno ha detto, qualcun altro ha erroneamente attribuito la frase e l'IA vomita una risposta "in scatola" pre-scritta, dicendo ai destinatari che il commento era falso o è stato scritto da qualcun altro che ho sbagliato, rendendo il poster originale un idiota. Ad esempio, il mio daifhrer-in-law ha inviato a un gruppo di persone un post su Facebook riguardante The Paradox of Our Age dal libro del 1995 Words Aptly Spoken, che... Per saperne di più »

C.McAteer

Facebook mi ha bandito diverse volte, ma due di questi casi sono stati la pubblicazione di citazioni accurate e documentate di Hitler e di altri nazisti come commenti su un articolo su Hitler e i nazisti. È l'azione più irrazionale che si possa immaginare vietare le citazioni!

[…] Leggi di più: i "Fact-Checkers" sono le camicie marroni digitali della tecnocrazia […]

[…] Fonte Notizie sulla tecnocrazia marzo […]

[…] Notizie sulla tecnocrazia marzo […]