Facebook: non possiedi il tuo viso, lo facciamo

Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print

L'enorme database di riconoscimento facciale di Facebook cresce ogni volta che tagghi un volto al nome di una persona. Questo dà a FB il diritto permanente di catalogare il tuo viso? E i tuoi vestiti e la tua postura? Tutti questi possono essere utilizzati per identificarti in strada, a tua insaputa o consenso. I tecnocrati sono tossicodipendenti che non possono mai ottenere abbastanza dati. Editor TN

Quando Carlo Licata, residente a Chicago, si è unito a Facebook in 2009, ha fatto ciò che aveva già fatto l'390 milioni di altri utenti del più grande social network del mondo: ha pubblicato foto di se stesso e degli amici, taggando le immagini con nomi.

Ma ciò che Licata, ora 34, non sapeva era che ogni volta che veniva taggato, Facebook memorizzava il suo volto digitalizzato nel suo database in crescita.

Fatto arrabbiare questo fatto a sua insaputa, Licata fece causa a Facebook in 2015 come parte di un'azione di classe querela depositato presso il tribunale dello stato dell'Illinois accusando la società di violare una legge irlandese unica nel suo genere che proibisce la raccolta di dati biometrici senza autorizzazione. La causa è in corso.

Facebook ha negato le accuse, sostenendo che la legge non si applica a loro. Ma dietro le quinte, il gigante dei social network sta lavorando febbrilmente per impedire ad altri stati di emanare una legge come quella dell'Illinois.

Da quando è stata presentata la causa, Facebook ha intensificato le sue pressioni statali, secondo i registri e le interviste con i legislatori. Ma invece di dedicarsi alle lotte politiche, Facebook si è rivolto a gruppi commerciali di basso profilo come Associazione Internet, con sede a Washington, DC e l'associazione commerciale con sede in Illinois CompTIA per evitare fatture che darebbero agli utenti un maggiore controllo su come vengono utilizzate le loro somiglianze o su chi possono essere vendute.

Tale sforzo fa parte di un'agenda più ampia. Le aziende tecnologiche, il cui modello di business si basa sulla raccolta di dati sui propri utenti e sul loro utilizzo per vendere annunci pubblicitari, spesso si oppongono alla legislazione sulla privacy dei consumatori. Ma i sostenitori della privacy dicono che Facebook è unicamente aggressivo nell'opporsi a tutte le forme di regolamentazione sulla sua tecnologia.

E la strategia ha funzionato. Fatture che avrebbero creato nuove protezioni dei dati dei consumatori per il riconoscimento facciale sono state proposte in almeno cinque stati quest'anno - Washington, Montana, New Hampshire, Connecticut e Alaska - ma tutte hanno fallito, tranne la legge di Washington, che è stata approvata solo dopo che il suo campo di applicazione era limitato .

Nessuna legge federale regola il modo in cui le aziende utilizzano la privacy biometrica o il riconoscimento facciale, e nessun legislatore ha mai presentato un disegno di legge per farlo. Ciò ha spinto l'Ufficio di responsabilità del governo a concludere in 2015 che i "problemi di privacy che sono stati sollevati dalla tecnologia di riconoscimento facciale servono come ulteriore esempio della necessità di adattare la legge federale sulla privacy per riflettere le nuove tecnologie". Il Congresso, tuttavia, ripristinare le protezioni della privacy a marzo, consentendo ai fornitori di servizi Internet di vendere i dati del browser senza l'autorizzazione del consumatore.

Facebook afferma che sul suo sito Web non venderà mai i dati degli utenti, ma la società è pronta a incassare il riconoscimento facciale in altri modi. 9.6 prevede che il mercato del riconoscimento facciale crescerà a $ 2022 miliardi, secondo gli analisti presso Allied Market Research, poiché le aziende cercano modi per autenticare e riconoscere clienti abituali nei negozi o offrire annunci specifici in base al sesso o all'età di un cliente.

Facebook sta lavorando su una tecnologia di riconoscimento avanzata che metterebbe i nomi sui volti anche se lo sono oscurato e identificare le persone dal loro abbigliamento e postura. Facebook ha archiviato brevetti per la tecnologia consentendo a Facebook di personalizzare gli annunci in base alle espressioni facciali degli utenti.

Ma nonostante la relativa mancanza di regolamentazione, la tecnologia sembra preoccupare i politici di entrambe le parti del corridoio e anche i sostenitori della privacy. Durante un udito del Comitato di supervisione del governo della Camera a marzo, il presidente Jason Chaffetz, R-Utah, che ha lasciato il Congresso a giugno, ha avvertito che il riconoscimento facciale "può essere utilizzato in un modo che congela la libertà di parola e l'associazione gratuita prendendo di mira le persone che partecipano a determinati incontri politici, proteste, chiese o altri tipi di luoghi in pubblico ".

Anche uno degli inventori del riconoscimento facciale è preoccupato. "Mi fa male vedere una tecnologia che ho aiutato a inventare essere utilizzata in un modo che non è quello che avevo in mente riguardo alla privacy", ha detto Joseph Atick, che ha contribuito a sviluppare il riconoscimento facciale negli 1990 della Rockefeller University di New York City .

Atick, ora consulente del settore, teme che aziende come Facebook utilizzino la tecnologia per identificare le persone negli spazi pubblici a loro insaputa o autorizzazione.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Marilynne Martin

"I tecnocrati sono tossicodipendenti che non possono mai ottenere dati sufficienti".

Sì, ma chi è a conoscenza di questo non dovrebbe essere su Facebook né avere i pulsanti di Facebook sulla propria pagina web.

Sono stanco degli attivisti "svegli" che mi dicono di "gradirli" su Facebook o Tweet. È tempo di smettere di partecipare a questa raccolta di dati informativi sui social media e morire di fame la bestia.