Corbett: Il richiamo della sirena della tecnocrazia in Cina evoca i tiranni dei tecnocrati

Per favore, condividi questa storia!
Gli uccelli di solito si attengono alla propria specie. Le aquile non volano con i passeri, né le poiane con le oche. I tecnocrati sono così e sottolineano il detto: "Gli uccelli di una piuma si radunano insieme". Tiranni e Big Tech amano e stimano la Cina, non perché sia ​​una dittatura comunista, ma perché è una tecnocrazia! Questo articolo lo inchioda.

Per ulteriori analisi approfondite, TN raccomanda di seguire e sottoscrizione a James Corbett Il rapporto Corbett. ⁃ Editor TN

Sono sicuro che ormai avete visto tutti la clip di Justin Trudeau che ammette di "ammirare" la dittatura cinese "perché la loro dittatura di base sta permettendo loro di dare una svolta alla loro economia in un centesimo", ma eccolo di nuovo.

Dati gli eventi assolutamente senza precedenti e assolutamente agghiaccianti che hanno avuto appena svolto in Canada sotto la sorveglianza del Primo Ministro Trudeau, non sorprende che la sua agghiacciante ammissione del 2013 sia stata fare il giro online ancora una volta.

Ma questo non è un qualche lapsus unico o un momento di "catturato" fuori contesto. Di volta in volta, (mis)leader dopo (mis)leader di tutto il mondo hanno confermato la loro brama per i poteri dittatoriali della Cina. In effetti, non sono solo i (mis)leader che bramano il sistema autoritario cinese; uomini d'affari, esperti, pezzi grossi di think tank e tutti gli altri nella cosiddetta "Superclasse" sono ugualmente cattivi per lo stile di governo di Pechino.

A livello superficiale, c'è una spiegazione perfettamente ovvia per questo fenomeno: questi delinquenti globalisti sono tutti aspiranti tiranni. Se un sistema ChiCom desse loro il potere di "fare una svolta economica in un centesimo" o fare qualsiasi altra cosa sulla loro lista dei desideri, lo adotterebbero senza pensarci due volte.

Ma, come al solito, c'è uno strato ancora più importante in questa storia che viene trascurato da quasi tutti. Vedete, la Cina non è solo in qualsiasi tipo di dittatura. In realtà, non è nemmeno comunista. Quando capisci il principio che è il governo cinese veramente operando, inizi a capire perché la Cina è stata costruita come la nuova superpotenza emergente del 21° secolo e cosa significa per il futuro dell'umanità.

I tiranni amano la Cina

La storia d'amore di Trudeau con la Cina non è iniziata né finita nel 2013, ovviamente. La determinazione del Primo Ministro canadese di inchinarsi ai cinesi in ogni occasione è a fatto ben noto della vita politica canadese e ha portato a una serie di patetici tentativi di ingraziarsi Xi e il governo cinese. I punti deboli includono quello di Trudeau invito all'Esercito popolare di liberazione cinese (PLA) a partecipare alle esercitazioni invernali con le forze armate canadesi, la sua minacciare un gruppo di beneficenza per aver osato tentare di conferire un premio al presidente di Taiwan e per la sua promessa di conferire un COVID "Made-in-Canada" arma biologica “vaccino” sul popolo canadese. Quella promessa si è rivelata una bugia sotto ogni aspetto: la società "canadese" che ha sviluppato il vaccino non era nemmeno canadese, ma un'azienda cinese con legami con l'EPL. (Le vere e proprie invenzioni emanate dall'ufficio del Primo Ministro in quella vicenda erano così oltraggiose che persino la CBC dovuto coprirli.)

Ma non sono solo Trudeau e i suoi WEF-gabinetto canadese "penetrato". che hanno un debole per la gloriosa dittatura cinese.

Biden si è ripetutamente vantato di aver "percorso 17,000 miglia" con Xi quando era vicepresidente, un'affermazione che nemmeno il Posta di Bezos correttori di fatti potrebbe sostenere e ha avuto il suo "momento Trudeau" in un municipio della CNN l'anno scorso, elogiando i cinesi dittatore a vita di punto in bianco come un "ragazzo brillante e davvero duro” in una bizzarra deviazione senza copione dal teleprompter.

L'ex cancelliera tedesca Angela Merkel difesa coerente della dittatura di Xi e la sua spingere per aumentare gli investimenti dell'UE in Cina le è valso il (dis)onore di essere chiamato "vecchio amico" (lăo pengyŏu, un titolo riservato a venerati compagni di viaggio globalisti come Henry Kissinger) da Xi in una telefonata d'addio tra i due (mis)leader lo scorso anno.

Anche Putin – che molti nei media “alternativi” credono falsamente essere un anti-globalista – si è ribaltato mezzo secolo di tensioni politiche sino-russe per stringere uno stretto rapporto di lavoro con Xi e gettare una base sino-russa per il Falsa opposizione dei BRICS al Nuovo Ordine Mondiale. Non solo Xi e Putin fanno di tutto chiamarsi a vicenda migliori (Putin apprezzò particolarmente dando il gelato russo al dittatore cinese per il suo 66° compleanno), ma, come ho più volte sottolineato, hanno collaborato alla creazione di un sistema “alternativo” di globalizzazione cioè, in realtà, solo il stessa vecchia visione NWO vestito con abiti diversi.

Allo stesso modo, tutti i (mis)leader del mondo (non)libero si sono allo stesso modo messi in fila per firmare accordi con la dittatura ChiCom e lodare prodigamente Xi mentre esprimono obbligatoriamente a parole la loro presunta "preoccupazione" per i diritti umani nel paese. Macron? Quadri. Johnson? Quadri. Bennett? Quadri.

Potrei andare avanti, ma tu hai un'idea. Ad un certo punto, lo spettacolo di un burattino politico dopo l'altro che si mettono in fila per elogiare Xi Jinping e il governo cinese è così travolgente da smentire l'idea che la Cina sia davvero un nemico dell'Occidente.

Allora cosa veramente sta succedendo qui?

La linea di propaganda occidentale sulla Cina

A questo punto, ci troviamo di fronte a un apparente paradosso.

Da un lato, la Cina è dipinta come una tale minaccia all'ordine internazionale - minacciando i suoi vicini marittimi e reprimendo la sua minoranza uigura anche se cresce in potenza militare e peso geopolitico - che gruppi completamente nuovi (il “Quadro”) e trattati (il TPP) devono essere escogitati per contenerlo.

D'altra parte, i (mis)leader mondiali stanno cadendo addosso a se stessi per dimostrare quanto sono vicini al presidente Xi e per tagliare accordi con il governo cinese.

Come al solito, c'è una semplice spiegazione per questa apparente contraddizione che la maggior parte delle persone può capire immediatamente: i soldi. Vedete, i cinesi stanno comprando i politici. Questo è perché tutti questi globalisti si stanno mettendo in fila per elogiare e firmare trattati con i ChiCom.

E, anche come al solito, c'è del vero in questa spiegazione. Il cinese cambiano ciclicamente attivo in operazioni di influenza internazionale, impiegando ogni trucco del libro: non solo corruzione, ma la creazione di programmi di "borsa di studio" redditizi reclutare ricercatori stranieri, l'uso di doppi agenti in posizioni sensibili, e, naturalmente, il buona vecchia trappola del miele.

Ma mentre le motivazioni finanziarie (o sessuali) possono essere sufficienti a spiegare il comportamento sinofilico di alcuni politici e ricercatori, non bastano a spiegare il fenomeno degli ultimi 40 anni. Come ho documentato in passato, l'ascesa della Cina alla sua posizione di rilievo economico, geopolitico e militare non è avvenuta dall'oggi al domani e non è avvenuta come risultato di una manciata di politici comprati e pagati. Piuttosto, la Cina è stata accuratamente e intenzionalmente costruita come attore importante nell'emergente multipolare Nuovo Ordine Mondiale dallo stesso branco di globalisti che hanno supervisionato la finanza e la geopolitica globale negli ultimi 50 anni.

Ma perché?

Per capire meglio questa questione, è utile dare un'occhiata a ciò che i globalisti vedono in Cina. Possiamo ottenere informazioni dettagliate sulla risposta esaminando un tema curioso e ricorrente nella propaganda dei media dell'establishment controllato sulla Cina. Lo chiamo: “La Cina è orribile! . . . Ma non sarebbe bello?"

Questo tema può essere visto in quasi tutti i pezzi dei media aziendali controllati sui mali del governo cinese e sul trattamento dei suoi cittadini. In poche parole, smascherano l'incredibile controllo orwelliano che i ChiCom affermano su ogni aspetto della vita dei cittadini, lo denunciano come tirannico. . . e poi sottolineare quanto sia efficace questo sistema autocratico nel gestire l'economia cinese e nel costruire la potenza militare cinese e il peso geopolitico. L'effetto di tale propaganda è sempre quello di ricordare al lettore che la Cina è il nemico e merita i nostri due minuti di odio, ma che sarebbe bello se anche i nostri affettuosi governi occidentali "democratici" assumessero alcuni di questi poteri.

L'ormai famigerata espressione di "ammirazione" di Trudeau per la dittatura cinese è un esempio di questo tema, ma i propagandisti oltre a Il New York Times ha fornito forse la quintessenza dell'espressione di questa idea in un recente articolo, “Vivere secondo il codice: in Cina, i controlli dell'era Covid possono sopravvivere al virus. "

Il pezzo si apre sottolineando la difficile situazione di Xie Yang, un avvocato per i diritti umani che ha deciso di recarsi a Shanghai per visitare la madre di un dissidente anche dopo che le autorità locali lo avevano avvertito di non intraprendere il viaggio. Sulla strada per l'aeroporto, i funzionari hanno cambiato lo stato di salute di Xie sulla sua app del codice sanitario richiesta dal governo da "verde", il che significa che era libero di viaggiare, a "rosso", spingendo la sicurezza dell'aeroporto a tentare di metterlo in quarantena.

Il resto dell'articolo segue una linea delicata: documenta accuratamente gli eclatanti abusi dei diritti umani permessi dalla griglia di sorveglianza della biosicurezza eretta dal governo cinese, ma è costellato di continui promemoria su come efficace questa griglia è a "contenere" la truffa. Il governo cinese, ci dice, è stato "incoraggiato dai loro successi nello sradicare il Covid". E, ci viene detto, l'app del codice sanitario richiesta dal governo è "la chiave per l'obiettivo della Cina di eliminare il virus completamente all'interno dei suoi confini". Questi controlli "hanno davvero prodotto ottimi risultati, perché possono monitorare ogni individuo", cita l'articolo cita un dentista cinese. Il di stima afferma addirittura che il “successo del governo nel limitare i contagi” ha portato a “un diffuso sostegno” alle misure.

In altre parole: la tirannia cinese è orribile! . . . Ma non sarebbe bello?

Una volta notato questo particolare stratagemma di propaganda, lo vedrai ovunque nelle discussioni tradizionali sulla "minaccia" cinese che è presumibilmente la più grande "minaccia" per il mondo libero. E una volta tu do nota questo trucco, inizierai a capire il di rose motivo per cui i globalisti hanno lavorato così a stretto contatto con la Cina per decenni: non perché aderiscono al comunismo, ma perché vedono la Cina come un laboratorio sperimentale in cui perfezionare una nuova forma di governo del pianeta.

Questo è esattamente ciò che intendeva David Rockefeller quando scrisse la sua famigerata ode al presidente Mao nell'agosto del 1973 New York Times editoriale, “Da un viaggiatore cinese"

L'esperimento sociale in Cina sotto la guida del presidente Mao è uno dei più importanti e riusciti nella storia umana.

Non è che Rockefeller fosse un comunista segreto (o non così segreto). In effetti, si scopre che il sistema di governo cinese non è affatto comunismo.

La Cina non è comunista

Quindi, se la Cina non è comunista, cos'è?

La risposta è semplice: la Cina è una tecnocrazia.

Ora, o sei una povera persona perduta che in qualche modo è inciampata in questo editoriale e non ha idea di cosa significhi questa affermazione o sei un seguace dei media indipendenti e hai già una buona conoscenza di cosa sia la "tecnocrazia" . Se il primo è il caso, ti consiglierei esplora i miei archivi sull'argomento per capire meglio cos'è la tecnocrazia e come funge da principio guida di scelta per i globalisti nel 21° secolo.

Riassumendo, ci sono due modi per capire cos'è la tecnocrazia. C'è la definizione semplice e innocua fornita al pubblico, secondo la quale la tecnocrazia è semplicemente il governo di un'élite scientifica e tecnica. E poi c'è il presupposto nascosto su cui si basa questa definizione: e cioè, che "l'élite scientifica e tecnica" è legata alla "Superclasse” da cui traggono i loro finanziamenti, i loro spunti di ricerca e i loro valori. La "scienza", dopo tutto, è semplicemente un processo e la tecnologia è semplicemente un mezzo per applicare la conoscenza scientifica al perseguimento di un obiettivo specifico. Ma l'obiettivo di chi? In questo modo vediamo che la tecnocrazia non è la regola benevola di una classe scientifica illuminata, ma la uso di quella classe dall'oligarchia dominante per gestire più efficacemente la popolazione umana.

Che la Cina sia una tecnocrazia non è un'osservazione controversa. È stato realizzato da numerosi studiosi, tra cui Liu Yongmou, professore di filosofia della scienza e della tecnologia alla Renmin University of China. In un articolo del 2016 in Problemi di scienza e tecnologia intitolato "I vantaggi della tecnocrazia in CinaYongmou descrive in dettaglio come la tecnocrazia sia stata importata in Cina con il soprannome di "esperto di politica" da Luo Longji, un politico e intellettuale che ha studiato sotto i tecnocrati originali alla Columbia University negli anni '1920. Questo sistema di governo è stato inizialmente evitato da Mao, che preferiva la devozione al partito rispetto all'esperienza tecnica, ma è fiorito nell'era post-Mao, culminando con gli ultimi tre presidenti della Cina - Jiang Zemin, Hu Jintao e Xi Jinping - che avevano tutti originariamente ha studiato ingegneria.

Questo non è un dettaglio banale. La mentalità tecnocratica è ovunque evidente nel sistema cinese, dove i cittadini sono trattati come variabili indisciplinate in un'equazione altrimenti armoniosa, variabili che possono essere domate solo da una logica rigorosa e da spietate restrizioni algoritmiche. Da qui la lunga lista di tecniche spietate, disumane, ma senza dubbio “efficienti” per la gestione della popolazione. Le tecniche, guidate dai cinesi, vanno dalla rete di riconoscimento facciale più pervasiva del mondo al vasto sistema di credito sociale, che regola il comportamento dei cittadini vietando loro il trasporto pubblico o bloccando il loro accesso all'istruzione superiore o a lavori ben retribuiti se non rispettare i dettami del governo.

C'è da meravigliarsi, quindi, che la Cina sia stato il primo paese a lanciare il "pass sanitario" ospitato da smartphone e basato su codice QR che consente al governo, se lo desidera, di impedire a qualsiasi individuo di superare qualsiasi posto di blocco del governo in qualsiasi momento ? O che i media occidentali, per non parlare dei (mis)leader come Trudeau, desidererebbero così apertamente quei poteri?

Come Patrick Wood, l'autore di molteplici opere sulla storia nascosta della tecnocrazia, riassume accuratamente nel suo articolo intitolato (abbastanza appropriatamente) "La Cina è una tecnocrazia"

La Cina è una tecnocrazia in piena regola ed è la prima del suo genere sul pianeta terra, grazie all'intelligente manipolazione e al supporto delle élite occidentali come la Commissione Trilaterale. [. . .] In conclusione, il chiaro e presente pericolo per il dominio del mondo non è alcun tipo di derivato marxista, ma piuttosto una tecnocrazia neoautoritaria. Vivere in un tale sistema sarà molto più opprimente e doloroso del socialismo, del comunismo o del fascismo.

È importante capirlo, perché se non vediamo che la Cina non è più comunista di quanto gli Stati Uniti siano "liberi" e "democratici", allora non capiremo mai cosa sia questa strana danza di amore/odio sul nuovo spauracchio cinese/ il nemico è davvero.

L'élite del potere globale sta perfezionando le proprie tecniche per controllare la popolazione umana e la Cina è il laboratorio tecnocratico in cui stanno testando quelle tecniche. Questa ecco perché Trudeau, i media mainstream e tutti gli altri organi dell'establishment “Superclass” veramente ammira la Cina.

Questo editoriale settimanale fa parte di Abbonato al rapporto Corbett newsletter.

Per supportare The Corbett Report e per accedere alla newsletter completa, per favore iscriviti per diventare un membro del sito web.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

3 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Leggi l'articolo originale […]

Timoteo

Ammonisco rispettosamente Rick Wiles e il suo Trunews a comprendere queste informazioni.

[…] Corbett: il richiamo della sirena della tecnocrazia in Cina evoca... […]