La Cina usa lo Zimbabwe per perfezionare il riconoscimento facciale

Zimbabwe
Per favore, condividi questa storia!
Alla fine degli anni '1970, la furia omicida dei ribelli marxisti ha praticamente distrutto la gemma dell'Africa meridionale. Il vuoto è stato riempito da un brutale dittatore e ora la Tecnocrazia cinese si sta affermando saldamente.

Lo Zimbabwe (ex Rhodesia) è un perfetto esempio di ciò che Zbigniew Brzezinski intendeva quando disse che il marxismo è un necessario trampolino di lancio verso l'ordine finale delle cose, che ha definito l'era Technetronic. La Rhodesia era originariamente una colonia della Gran Bretagna e altamente civilizzata, prospera e bella. Quando la Gran Bretagna garantì l'indipendenza, i ribelli marxisti fecero a pezzi la nazione facendo a pezzi i cittadini istruiti e allontanando i contadini bianchi dalle loro proprietà. Dopo decenni di vita sotto un brutale e ignorante dittatore, Robert Mugabe, la Cina si è ora trasferita e sta timbrando la Technocracy.

Pertanto, il marxismo distrugge i governi esistenti, aprendo la strada alla dittatura scientifica tecnocratica. Questo è anche il piano globalista per l'America e spero che tu capisca questo punto: il marxismo non è il fine, ma solo i mezzi per un fine ancora peggiore: la tecnocrazia. ⁃ Editor TN

Mentre la Cina diffonde le sue impronte economiche in più continenti con la Belt and Road Initiative ed esercita un controllo sempre maggiore sulle vite dei suoi sudditi attraverso una combinazione del suo sistema di punteggio di credito sociale e del vasto stato di sorveglianza, sembra che il Grande Fratello di Pechino abbia incontrato problema che deve essere affrontato per ottenere il dominio del mondo ... inesattezza!

Sistemi di riconoscimento facciale stanno diventando sempre più mainstream e accettati da un numero crescente di "persone medie" in tutto il mondo come il costo della sicurezza (o semplicemente della facilità di vita). Il problema è, come dettagliato in precedenzaper alcuni segmenti della società, è selvaggiamente impreciso.

In particolare, dopo Oakland e San Francisco hanno votato contro l'uso del riconoscimento facciale, Rep. Tashida Tlaib ha affermato che "il tasso di errore tra gli afro-americani, in particolare le donne" era del 60 percento.

Durante un test eseguito dall'ACLU della California del Nord, il riconoscimento facciale ha identificato erroneamente i membri 26 della legislatura della California come persone in un database di foto di arresto.

Alcune aziende tecnologiche hanno cercato di "correggere" questo livello estremamente elevato di inesattezza per alcune coorti ingannando i neri per essere scansionati.

Ma i colossi della tecnologia cinese hanno portato il processo di addestramento dei loro algo su facce non bianche a un livello completamente nuovo.

Come riferisce FTun accordo tra la società cinese di riconoscimento facciale CloudWalk e il governo dello Zimbabwe significa che quest'ultimo invierà dati su milioni di volti africani alla società cinese per aiutare ad addestrare la tecnologia.

"Gli stati africani tendono ad andare d'accordo con ciò che viene proposto dalla Cina e l'ITU in quanto non hanno le risorse per sviluppare gli stessi standard ", ha affermato Richard Wingfield, responsabile legale di Global Partners Digital, una società che si occupa di diritti umani su Internet.

Forse un po 'scioccante, FT lo riferisce negli ultimi anni, l'infrastruttura di sorveglianza cinese ha attraversato le regioni dall'Angola allo Zimbabwe. Ad esempio, all'inizio di quest'anno la società sudafricana Vumacam ha installato telecamere di sorveglianza 15,000 con funzionalità di riconoscimento facciale a Johannesburg, fornite da Hikvision.

Ad agosto, l'Uganda ha confermato l'installazione nazionale di telecamere di sorveglianza Huawei con funzionalità di riconoscimento facciale. Allo stesso modo, il governo di Singapore ha in programma di installare telecamere per il riconoscimento facciale sui suoi lampioni, un contratto che la start-up cinese Yitu ha proposto, secondo i rapporti locali.

Come precedentemente osservato per la politica estera, questo accordo consentirà inoltre allo Zimbabwe, un paese con una triste reputazione in materia di diritti umani, di replicare parti dell'infrastruttura di sorveglianza che hanno reso le libertà così limitate in Cina. E ottenendo l'accesso a una popolazione con un mix razziale molto diverso da quello cinese, CloudWalk sarà in grado di addestrare meglio i pregiudizi razziali dai suoi sistemi di riconoscimento facciale, un problema che ha tormentato le aziende di riconoscimento facciale in tutto il mondo e che potrebbe dare alla Cina un vitale bordo.

"Le persone non hanno acconsentito all'uso dei loro dati biometrici in questo modo" Disse Hove.

“Sfortunatamente, le persone non hanno alcun modo di ritenere il governo responsabile come non esistono leggi in vigore o organi regolatori incaricati della protezione della privacy delle persone o della protezione dei dati."

La legge 2002 sull'accesso alle informazioni e la protezione della privacy dello Zimbabwe non copre i dati biometrici o i flussi transfrontalieri di dati e, come osserva Hove, "il governo ha raramente mai agito nell'interesse della gente".

L'accordo CloudWalk è costruito sul retro di una relazione di lunga data tra il regime dell'ex presidente dello Zimbabwe Robert Mugabe, visto dalla Cina come un alleato ideologico e Pechino.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
yves

Ciao,

Mi sono appena imbattuto in questa pagina e sono un po' confuso.
Questa pagina fa parte di “technocracy.news” attraverso una corrispondenza automatica su “technocracy” ?

In particolare, il movimento tecnocratico approva la dichiarazione alla fine dell'articolo zerohedge:
"Questo è anche il piano globalista per l'America, e spero che tu capisca questo punto: il marxismo non è il fine, ma solo il mezzo per un fine ancora peggiore: la tecnocrazia".

Inoltre, l'attuale movimento tecnocratico "approva" l'implementazione del riconoscimento facciale, con crediti sociali e "misurazioni permanenti dei cittadini" complessive (o sorveglianza globale)