Cercapersone Dr. Robot: i medici dell'IA dovrebbero essere la nuova normalità

Wikimedia Commons
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Il prossimo passo della medicina basata sull'evidenza è quello di consentire all'intelligenza artificiale di essere l'assistente virtuale del preside e quindi di sostituire del tutto il professionista medico. Se rifiuti di fare ciò che dice l'IA, verrai marchiato come ribelle. ⁃ Editor TN

La prossima volta che ti ammali, le tue cure potrebbero coinvolgere una forma di tecnologia che le persone usano per navigare su strada o scegliere l'aspirapolvere giusto online.

L'intelligenza artificiale si sta diffondendo nell'assistenza sanitaria, spesso come un software o un programma per computer in grado di apprendere da grandi quantità di dati e fare previsioni per guidare l'assistenza o aiutare i pazienti.

Rileva già una malattia dell'occhio legata al diabete e fa altri lavori dietro le quinte come aiutare i medici a interpretare le scansioni MRI e altri test di imaging per alcune forme di cancro.

Ora, parti del sistema sanitario stanno iniziando a usarlo direttamente con i pazienti. Durante alcuni appuntamenti con la clinica e la telemedicina, il software basato sull'intelligenza artificiale pone ai pazienti domande iniziali sui loro sintomi che normalmente i medici o gli infermieri pongono.

E un programma di intelligenza artificiale con un'immagine parlante del filosofo greco Aristotele sta iniziando ad aiutare gli studenti dell'Università della California del sud a far fronte allo stress.

I ricercatori affermano che questa spinta verso la medicina è in una fase iniziale, ma si aspettano che la tecnologia cresca aiutando le persone a rimanere in buona salute, assistendo i medici nelle attività e facendo più lavoro dietro le quinte. Pensano anche che i pazienti si abitueranno all'IA nelle loro cure proprio come si sono abituati ad usare la tecnologia quando viaggiano o fanno acquisti.

Ma dicono che ci sono dei limiti. Anche il software più avanzato deve ancora padroneggiare parti importanti dell'assistenza come la capacità di un medico di provare compassione o usare il buon senso.

"La nostra missione non è quella di sostituire gli esseri umani in cui solo gli esseri umani possono svolgere il lavoro", ha affermato il professore di ricerca dell'Università della California del Sud Albert Rizzo.

Rizzo e il suo team hanno lavorato su un programma che utilizza l'intelligenza artificiale e un personaggio di realtà virtuale chiamato "Ellie" che è stato originariamente progettato per determinare se i veterani di ritorno da una distribuzione potrebbero aver bisogno di terapia.

Ellie appare sui monitor dei computer e guida una persona attraverso le domande iniziali. Ellie fa contatto visivo, annuisce e usa i gesti delle mani come una terapista umana. Fa anche una pausa se la persona dà una risposta breve, per spingerla a dire di più.

"Dopo la prima o la seconda domanda, in un certo senso dimentichi che si tratta di un robot", ha dichiarato Cheyenne Quilter, un cadetto del West Point che aiuta a testare il programma.

Ellie non diagnostica o cura. Invece, i terapisti umani hanno usato le registrazioni delle sue sessioni per aiutare a determinare di cosa potrebbe aver bisogno il paziente.

"Questa non è l'intelligenza artificiale che cerca di essere il tuo terapeuta", ha detto un altro ricercatore, Gale Lucas. "Questa è l'IA che cerca di prevedere chi ha maggiori probabilità di soffrire".

Il team che ha sviluppato Ellie ha anche messo insieme un nuovo programma basato sull'intelligenza artificiale per aiutare gli studenti a gestire lo stress e rimanere in buona salute.

Chiedi ad Ari di fare il suo debutto all'USC questo semestre per dare agli studenti un facile accesso ai consigli su come affrontare la solitudine, dormire meglio o gestire altre complicazioni che affiorano nella vita del college.

Ari non sostituisce un terapeuta, ma i suoi progettisti affermano che collegherà gli studenti attraverso i loro telefoni o laptop per un aiuto affidabile ogni volta che ne hanno bisogno

Jason Lewis, senior dell'USC, non pensava che il programma avrebbe avuto molto per lui quando lo avrebbe aiutato perché non cercava consulenza. Ma ha scoperto che Ari ha trattato molti argomenti a cui poteva riferirsi, comprese le informazioni su come i social media influenzano le persone.

"Tutti pensano di essere soli nei loro pensieri e problemi", ha detto. "Ari sicuramente contrasta questo isolamento."

Oltre a soddisfare le esigenze di salute mentale, l'intelligenza artificiale è anche al lavoro in forme più comuni di medicina.

La società tecnologica AdviNOW Medical e 98point6, che forniscono trattamenti tramite messaggi di testo sicuri, utilizzano entrambi l'intelligenza artificiale per interrogare i pazienti all'inizio di un appuntamento.

Il CEO di AdviNOW, James Bates, ha dichiarato che il loro programma di intelligenza artificiale decide quali domande porre e quali informazioni sono necessarie. Trasmette tali informazioni e una diagnosi suggerita a un medico che quindi tratta il paziente in remoto attraverso la telemedicina.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Technocracy.News è il - esclusivamente. sito web su Internet che riporta e critica la tecnocrazia. Ti preghiamo di dedicare un minuto a sostenere il nostro lavoro su Patreon!
Avatar
1 Discussioni dei commenti
0 Discussione risposte
0 Seguaci
Per molti commenti
Discussione più calda del commento
0 Autori di commenti
Autori di commenti recenti
Sottoscrivi
ultimo il più vecchio più votati
Notifica