Boston Review: tecnocrazia dopo COVID-19

Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Questo scrittore discute della tecnocrazia storica e moderna in relazione alla gestione delle crisi rispetto a tempi stabili. Indica con forza il ruolo della tecnocrazia nella debacle di COVID-19 e chiede se sia lo standard giusto da applicare o meno. ⁃ Editor TN

"COVID-19 rappresenta una nuova forma di shock economico che non può essere affrontato usando i libri di testo del passato." Così recentemente osservato Christine Lagarde, capo della Banca centrale europea (BCE). Che le emergenze gettino in aria le ortodossie sembra chiaro; nuovi problemi richiedono un pensiero nuovo. Ma le sue parole suggeriscono anche come tecnocrati si definiscono in crisi. Tanto quanto queste sono le condizioni in cui viene messa alla prova l'esperienza, sono anche momenti di opportunità. I funzionari possono rifarsi come pratici, flessibili e indipendenti: possessori della visione più profonda che sta nel sapere quando mettere da parte le formule di ieri. I momenti di crisi incoraggiano la trasformazione di tecnocraziae con esso il rapporto con la politica.

La storia del ventesimo secolo mostra come tempi turbolenti possano produrre richieste di governo guidato da esperti. I movimenti per la tecnocrazia emersero negli anni '1930 in America e in Europa in risposta alla Grande Depressione, prendendo ispirazione dal razionalismo attribuito alla pianificazione in tempo di guerra. Il tipo di esperienza che hanno apprezzato è stato segnato dall'esperienza della crisi. Pratico nello spirito, si trattava di sapere cosa funziona e come riparare le cose quando si rompono. Molti hanno celebrato consapevolmente la figura del ingegnere. Gli scritti di Thorstein Veblen, Howard Scott e Walter Rautenstrauch negli Stati Uniti hanno paragonato la società a una macchina, invocando il governo come "ingegneria sociale".

Più sobrio e influente, la prospettiva dell'ingegnere era presente nell'economia keynesiana, emergendo con il Teoria generale nel 1936 come base del dopoguerra tecnocrazia. Formata nell'incontro con la disoccupazione di massa, questa è stata la macroeconomia come soluzione dei problemi. In un mondo ritenuto volatile e influenzato dagli "spiriti animali", i mercati non hanno mai funzionato del tutto come dovrebbero. Il ruolo del politico era di armeggiare e sondare, per far funzionare le cose nonostante stress, tensioni e shock. Di fronte a una realtà complessa e mutevole, erano necessari discrezione e giudizio, insieme alla prudenza di costruire in capacità di riserva per l'imprevisto.

Con il passare del consenso keynesiano con le crisi energetiche degli anni '1970, una nuova visione di tecnocrazia emerse, basandosi invece sull'ideale del scienziato. Per monetaristi come Milton Friedman, l'ortodossia precedente si basava su proposte dubbie che avevano bisogno di test rigorosi: gli ingegneri economisti avevano dato troppo per scontato. Più di precedenti liberali come Friedrich Hayek (egli stesso un critico di "scientismo") neoi liberali hanno sviluppato le loro idee sul modello della fisica. Supponendo una stabilità di base nel modo in cui funziona il mondo - come operano i mercati, perché le imprese si comportano come loro - l'economista-scienziato doveva cercare leggi generali sulla causalità, mentre tecnocracdovevo usare modelli standard piuttosto che giudizio personale e discrezione. Entrambi sarebbero una sorta di processo anonimo, politicamente invisibile e indipendente. La banca centrale si baserebbe, idealmente, su regole fisse e obiettivi delegati (ad esempio bassa inflazione), mentre il Fondo monetario internazionale (FMI) e la Banca mondiale svilupperebbero un Consenso di Washington di politiche standardizzate, per le quali le società postcomuniste costituivano un comodo laboratorio. C'era una corrente utopica in questo modello di tecnocrazia: piuttosto che gestire un ordine imperfetto, l'obiettivo era la disposizione ottimale.

Ma che dire quando le cose vanno male? tecnocrazia-come-scienza si adatta a tempi stabili, in cui il mondo reale può assomigliare passabilmente al laboratorio. Le emergenze infrangono questa norma, dal momento che le azioni devono essere intraprese rapidamente, prima che tutte le prove siano presenti. Quando la crisi finanziaria asiatica ha colpito nel 1997, sembrava necessaria una diversa esperienza: sapere più che sapere, oltre a sapere cosa non fare . Inserisci la figura del medicoe una tendenza a paragonare la nuova economia globalizzata e finanziata a un organismo colpito da agenti patogeni. Di fronte a "Influenza asiatica", Il ruolo dei responsabili delle politiche dell'FMI è stato quello di affrontare il contagio. Sul modello di controllo delle malattie, questo approccio ha riconosciuto la realtà delle tendenze degenerative, mentre implicava che la maggior parte fosse esterna alla politica stessa e non qualcosa di cui i funzionari erano responsabili.

Ha anche gestito le aspettative. Il medico assume il cambiamento e il decadimento. Ora non esisteva un ordine di mercato perfetto: la malattia era sempre possibile (implicando, ovviamente, che il sistema era sano per la maggior parte del tempo). In questo mondo sempre più incerto, il policymaker è stato autorizzato a fare interventi discrezionali e ha acquisito il ruolo aggiuntivo di offrire "rassicurazione" per tenere sotto controllo le ansie.

Nelle crisi economiche degli anni 2010, e ora più recentemente con COVID-19, la risoluzione dei problemi è più che mai il nome del gioco. Il giudizio di un medico sta nel collegare un caso a un rimedio noto, ma questo diventa più difficile quanto più non si conosce la malattia. Oggi è economico tecnocrazia riguarda l'utilizzo di tutti gli strumenti nel toolkit, in questo senso stiamo assistendo al ritorno dell'ingegnere. I decisori sottolineano la necessità di ingegnosità, discrezione e invenzione da parte di Mario Draghi "tutto il necessario preservare l'euro "a Lagarde di "Tutto il necessario." Le regole della politica della zona euro sono descritte come "limiti autoimposti, "Revisionabile per preservare obiettivi più profondi di stabilità. Gli economisti vincitori del premio Nobel ci chiedono di pensare alla loro disciplina come "piombatura"—Ingegnerizzazione alla fine dove le cose possono diventare confuse. C'è persino una nota del teatrale di oggi tecnocrazia: come un bravo attore teatrale, Lagarde mantiene la suspense sulle misure a venire, "perché l'impatto sarà anche collegato all'elemento sorpresa".

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti