7 motivi principali per cui i passaporti dei vaccini sono un'idea pericolosa

Per favore, condividi questa storia!
Con le lesioni da vaccino che aumentano vertiginosamente, i tecnocrati si stanno affrettando a implementare i passaporti dei vaccini prima che sia troppo tardi per convincere un pubblico ombroso ad accettarli. È un segno pericoloso di una tirannia imminente e dovrebbe essere resistito a tutti i costi. ⁃ TN Editor

Poiché l'uso dei passaporti per i vaccini aumenta a dismisura in tutto il mondo, crescono le preoccupazioni sulla loro potenziale portata e le loro implicazioni.

I passaporti (o pass o certificati) dei vaccini vengono spediti in tutto il mondo, anche in luoghi in cui la maggior parte delle persone non è ancora stata in grado di ottenere un vaccino. Sono pubblicizzati come un modo per far ripartire l'economia globale fornendo un mezzo alle persone per dimostrare il loro stato di vaccinazione, consentendo loro di viaggiare, fare acquisti, andare in palestra, partecipare a eventi sportivi e culturali e condurre altre attività indoor. Paesi come Israele, Arabia Saudita e Singapore hanno già introdotto i passaporti per i vaccini negli ultimi due mesi.

Naturalmente, l'uso della parola "passaporto" è ingannevole. "Passaporto" implica un documento approvato da uno Stato che stabilisce la cittadinanza e garantisce la protezione diplomatica. Un passaporto tradizionale non richiede al portatore di partecipare a un programma di vaccinazione, sebbene esistano certificati di immunità per malattie come la febbre gialla. Un'altra differenza è che è probabile che un passaporto vaccinale si presenti sotto forma di documento digitale. Il potenziale campo di applicazione della sua applicazione è anche molto più ampio di quello di un normale passaporto. Potrebbe essere richiesto non solo di stabilire l'identità e lo status di vaccino ai confini nazionali, ma anche di viaggiare, accedere agli edifici pubblici e ai servizi di base all'interno del proprio paese di residenza.

Nei paesi che hanno già un servizio sanitario nazionale stabilito, come il Regno Unito e Israele, il passaporto per i vaccini è stato richiesto a livello statale. Negli Stati Uniti le aziende tecnologiche e sanitarie sono saldamente al volante. Almeno 17 programmi alternativi sono attualmente in fase di sviluppo. Per quanto riguarda l'UE, lo ha fatto proposto l'emissione di "certificati verdi digitali" che consentirebbero ai residenti dell'UE di viaggiare liberamente attraverso il blocco di 27 nazioni entro l'estate purché siano stati vaccinati, risultati negativi al COVID-19 o guariti dalla malattia. Vale la pena notare che l'UE ha studiato la fattibilità di creare una tessera vaccinale comune dell'UE dall'inizio del 2019.

Iniziative internazionali

Ci sono anche iniziative in corso a livello internazionale come lo Smart Vaccination Certificate Working Group, i cui partner includono WHO, UNICEF, ITU e la Commissione Europea. Il gruppo "si concentra sulla definizione di specifiche chiave, standard e un quadro di fiducia per un certificato di vaccinazione digitale per facilitare l'implementazione di soluzioni digitali efficaci e interoperabili che supportano la consegna e il monitoraggio del vaccino COVID-19, con l'applicabilità prevista ad altri vaccini".

Un'altra iniziativa è l'app per la salute digitale CommonPass sviluppata dalla Commons Project Foundation (CPJ), fondata dalla Rockefeller Foundation ed è supportata dal World Economic Forum. CommonPass è sia un framework che un'app che "consentirà alle persone di accedere ai risultati di laboratorio e alle registrazioni delle vaccinazioni e acconsentirà a utilizzare tali informazioni per convalidare il proprio stato COVID senza rivelare altre informazioni sanitarie personali sottostanti".

Poi c'è ID2020, un'organizzazione non governativa che sostiene gli ID digitali per il miliardo di persone prive di documenti in tutto il mondo e gruppi sottoserviti come i rifugiati. Nel 2019, ID2020 ha lanciato un nuovo programma di identità digitale in collaborazione con il governo del Bangladesh e l'Alleanza globale per i vaccini e l'immunizzazione (GAVI). Ora è coinvolto nel Buona salute Pass collaborativo, "Un'iniziativa aperta, inclusiva e intersettoriale, che riunisce aziende e organizzazioni leader nei settori della tecnologia, della salute e dei viaggi".

Pausa per riflettere

Alcune di queste iniziative sono già state sperimentate da aziende, comprese le compagnie aeree, e dalle autorità locali o regionali. All Nippons Airways è iniziato un test del CommonPass sui suoi voli da Tokyo Haneda a New York. La scorsa settimana New York ha presentato il suo pass Excelsior, basato sulla tecnologia IBM. È probabile che altri stati seguano l'esempio. Anche la Francia ha appena completato un mese di prova di un'app di passaporto sanitario per i passeggeri Air France che viaggiano in Martinica e Guadalupa.

La velocità con cui queste iniziative vengono portate a termine dovrebbe far riflettere. Proprio come con le app di tracciamento dei contatti, l'implementazione è casuale e piena di conflitti di interesse. La tecnologia non è provata e i problemi di privacy sono evidenti. Di seguito sono riportati sette motivi per cui credo che i passaporti dei vaccini dovrebbero preoccuparci. Forse puoi pensare di più.

1. Non sappiamo ancora quanto siano efficaci o sicuri i vaccini. L'obiettivo apparente dietro il passaporto del vaccino è fornire la prova che una persona ha preso un vaccino ufficialmente approvato e quindi presenta un rischio di contagio inferiore. Eppure non sappiamo ancora quanto sia efficace o sicuro ogni vaccino. Naturalmente, i livelli di efficacia di ciascun vaccino variano. Come l'OMS stessa ammette, c'è ancora incertezza sul fatto che l'inoculazione prevenga effettivamente la trasmissione del virus.

Inoltre, non abbiamo idea di quanto dura l'immunità, parziale o meno, fornita da ciascun vaccino. Inoltre, alcuni dei vaccini sembrano avere un'efficacia ridotta contro alcune varianti, incluso il ceppo B.1.351 (originariamente identificato in Sud Africa).

Non è solo la potenziale mancanza di efficacia che dovrebbe preoccuparci. Ci sono anche grandi problemi di sicurezza. Sono già state segnalate numerose reazioni avverse in tutto il mondo. Nel caso dei vaccini sviluppati da AstraZeneca e Johnson & Johnson, le preoccupazioni per gli effetti collaterali della coagulazione del sangue hanno portato alcuni paesi a limitarne o addirittura sospenderne l'uso.

Negli Stati Uniti, gli ultimi dati VAER pubblicati il ​​12 aprile ha mostrato oltre 46,000 segnalazioni di eventi avversi a seguito di vaccini COVID. Le donne sono state colpite in modo sproporzionato, contabilità 77% dei casi. Molti stanno vivendo mestruazioni anormali, sollevando il timore che i vaccini possano persino influire sulla fertilità.

2. Geopolitica dei vaccini. A tutti gli effetti l'Occidente è già bloccato in una nuova guerra fredda con Cina e Russia. Le tensioni aumentano quasi quotidianamente. In un tale contesto, non è certo al di là delle possibilità che a un certo punto i paesi o le aziende in Occidente si rifiuteranno di riconoscere i certificati di vaccini basati su vaccini russi o cinesi, e viceversa. Le giustificazioni per farlo cresceranno man mano che continuano ad emergere cattive notizie sull'efficacia e la sicurezza dei vaccini.

Nell'ultimo fine settimana fonti di notizie occidentali segnalati che George Fu Gao, direttore del Centro cinese per la prevenzione e il controllo delle malattie, aveva pubblicamente riconosciuto che i vaccini fabbricati in Cina attualmente offrono una bassa efficacia contro il virus. "Risolveremo il problema che i vaccini attuali non hanno tassi di protezione molto elevati", ha detto, aggiungendo che la regolazione del dosaggio o l'immunizzazione sequenziale e la miscelazione dei vaccini potrebbero aumentare l'efficacia.

Da allora la Cina ha fatto marcia indietro sui commenti. Ma l'episodio solleva comunque seri interrogativi per quelle nazioni che fanno molto affidamento sul jab cinese, comprese molte in America Latina. Se i vaccini cinesi non sono efficaci come si pensava originariamente, è perfettamente fattibile che alcuni paesi in Occidente si rifiutino di riconoscere i vaccini che portano il nome di un vaccino cinese. In quanto tale, invece di liberare i viaggi globali, i passaporti per i vaccini potrebbero erigere nuove barriere.

3. Il potenziale per la missione strisciare. Per cominciare, è probabile che le SMART Health Card includano il nome completo, il sesso, la data di nascita, il numero di cellulare e l'indirizzo e-mail di una persona oltre alle informazioni sulla vaccinazione. Ma sebbene pubblicizzati come documenti di vaccinazione digitali, sono chiaramente destinati ad essere utilizzati per molto di più. Informazioni pubbliche sul protocollo note che le SMART Health Card sono "elementi costitutivi che possono essere utilizzati in tutta l'assistenza sanitaria", inclusa la gestione di un record completo di immunizzazione che va ben oltre i vaccini COVID-19, la condivisione dei dati con le agenzie di sanità pubblica e la comunicazione con gli operatori sanitari.

È improbabile che il quadro sia limitato alle informazioni sull'assistenza sanitaria. L'uso del termine "portafoglio digitale", sia da parte della Vaccine Collective Initiative che IBM, fare riferimento ai loro diversi pass per la salute digitale suggerisce che l'attività economica potrebbe diventare parte integrante delle funzioni dei framework. Lo sviluppatore del framework SMART Health Cards della Vaccine Collective Initiative presso Microsoft Health, Josh C.Mandel, lasciato intendere in una recente presentazione su YouTube che le SMART Health Card potrebbero presto essere utilizzate come ID per attività commerciali, come il noleggio di un'auto.

Il fatto che tutto questo stia accadendo mentre le banche centrali di tutto il mondo stanno gettando alacremente le basi per le valute digitali della banca centrale, o CBDC come sono diventate note, solleva lo spettro dei passaporti digitali per vaccini utilizzati come veicolo per la creazione di un sistema valutario puramente digitale per sostituire monete e banconote fisiche. Questo non vuol dire che ciò accadrà, ma è una possibilità. Se il passaporto del vaccino diventa un portafoglio di valuta digitale e il denaro viene eliminato, la rinuncia sarà molto più difficile. E l'adesione ci lascerà soggetti a livelli di sorveglianza e controllo finora impensabili.

4. Creare una società / mondo a due livelli. Fin dal suo inizio Covid-19 è stata una pandemia di disuguaglianza. Ciò è particolarmente vero in Israele, che era già una società a due livelli molto prima che arrivasse Covid. Recentemente è diventato il primo paese a lanciare un programma di passaporti vaccinali a livello nazionale, il cosiddetto Green Pass. Ma il suo obiettivo prefissato sono gli israeliani, non i palestinesi. Secondo Il guardiano, poco più del 4% dei 5 milioni di palestinesi che vivono nella Cisgiordania occupata e nella Striscia di Gaza finora hanno ricevuto vaccini. I casi di Covid attivi sono tornati vicino ai massimi storici mentre nel resto di Israele sono al livello più basso dallo scorso giugno.

I passaporti dei vaccini potrebbero finire per esacerbare le divisioni sociali ovunque vengano utilizzati. Chi ha accesso ai vaccini può tornare a una parvenza di vita normale mentre chi non si ritrova lasciato ancora più lontano al freddo. Ciò avverrà non solo all'interno dei paesi, ma tra i paesi. Con la riapertura dell'economia israeliana, i palestinesi affrontano probabilmente ancora più restrizioni sui loro movimenti e attività rispetto a prima di Covid. Ma non sono solo i palestinesi a trovarsi trattati come cittadini di seconda classe; lo sono anche gli israeliani che rifiutano di prendere il vaccino, per motivi religiosi, etici o sanitari. Senza Green Pass, non possono entrare in determinati luoghi o partecipare a determinate attività.

Col passare del tempo, man mano che la vita diventa più difficile per queste persone, la pressione per ottenere il jab aumenterà. Almeno questo è ciò che i sostenitori del passaporto vaccinale come Joan Costa-Font della London School of Economics sperano.

“I passaporti dei vaccini possono essere usati come incentivo per cambiare comportamento. Non solo forniscono alcuni vantaggi diretti, ma segnalano ciò che la società si aspetta dagli individui. Esemplificano una norma sociale a cui ci si aspetta che gli individui si conformino ".

Ma costringere le persone a prendere il vaccino potrebbe avere l'effetto opposto, mette in guardia un pezzo di opinione nel BMJ:

Tutto sommato, ci sono ragioni per concludere che i passaporti dei vaccini per le attività di base possono effettivamente minare il lancio del vaccino disincentivando le stesse popolazioni che hanno più bisogno di incentivi. Un'ispezione più approfondita dello schema israeliano del "pass verde" serve a rafforzare questo messaggio. Le prove a sostegno dell'aumento della diffusione della vaccinazione sono deboli, mentre i sospetti di costrizione e le segnalazioni di persone escluse dai luoghi di lavoro per non essere state vaccinate hanno "provocato antagonismo e maggiore sfiducia tra le persone che erano già preoccupate per la violazione dei diritti dei cittadini".

5. Perdita di autonomia e integrità corporea. Forzare un vaccino sperimentale su qualcuno che non lo vuole viola chiaramente il loro diritto all'autonomia e all'integrità del corpo. Secondo la Carta dei diritti fondamentali dell'UE, “ognuno ha diritto al rispetto della propria integrità fisica e mentale. Nel campo della medicina e della biologia devono essere rispettati in particolare: il consenso libero e informato dell'interessato, secondo le modalità previste dalla legge. "

Se l'autonomia e l'integrità del corpo sono davvero diritti umani fondamentali, il rilascio dei passaporti per vaccini COVID dovrebbe dipendere dal consenso informato dell'individuo e non adozione obbligatoria, come è stato proposto in Francia, o coercizione (e sì, negare alle persone l'accesso ai servizi di base è una forma di coercizione). Ciò è particolarmente vero nel caso di vaccini approvati solo in caso di emergenza.

6. La maggior parte dei governi e dei giganti della tecnologia hanno già dimostrato di non potersi fidare dei nostri dati più preziosi. I passaporti dei vaccini sollevano enormi preoccupazioni per la privacy. Le aziende affamate di dati come Microsoft, un membro della Vaccine Credential Initiative, avranno nuove opportunità per tenere traccia dei nostri movimenti e attività quotidiane e condividere tali dati con terze parti. Ci sono anche grandi preoccupazioni per la sicurezza dei dati. Se la storia recente ci ha insegnato qualcosa, è che nessun dato - non importa quanto privato o prezioso - è completamente al sicuro.

È probabile che un certificato di vaccino includa i nostri dati più preziosi: i nostri dati biometrici. Ed è improbabile che sia sicuro. Come Peter Yapp, recentemente vicedirettore del National Cyber ​​Security Center (NCSC) del GCHQ britannico avvertito, la creazione di un altro database centralizzato per archiviare ancora più dati personali creerebbe ancora più opportunità per gli hacker e le organizzazioni criminali informatiche di saccheggiare i nostri dati:

"Database centralizzati significa che stai mettendo molti dati in un unico posto in modo che diventi un bersaglio attraente per hacker e simili, quindi è come un honeypot - attira le persone e loro ci provano perché c'è così tanto dati ... In qualità di ingegnere del software, so che tutto il software ha bug. I bug creano vulnerabilità di sicurezza, ecco perché è una pessima idea riunire così tanti dati di tale importanza in un unico postoQuesto è un altro chiodo nella bara nell'idea della certificazione Covid. "

7. Qualunque cosa possano dire i politici, un certificato di vaccino sarà permanente. Quando il dibattito sul certificato di vaccino ha raggiunto il culmine nel Regno Unito la scorsa settimana, il partito conservatore ha cercato di placare i timori degli elettori insistendo sul fatto che il certificato sarebbe stato temporaneo.

"Sarà limitato nel tempo e penso che la durata del programma sarà misurata in mesi", un insider anonimo disse. "La festa non durerà più."

Questo è dello stesso governo che ha pubblicamente insistito per mesi sul fatto che non stava nemmeno prendendo in considerazione i certificati dei vaccini mentre in privato stava esaminando come potevano essere usati. Dopo aver affrontato tutti i problemi e le spese per creare un sistema di identificazione digitale le cui applicazioni e usi possono essere espansi facilmente, non c'è modo al mondo che il governo del Regno Unito restituisca tutto solo pochi mesi dopo. Come la storia ci ha insegnato ripetutamente, ogni volta che i governi si ricompensano con nuovi poteri temporanei, di solito trovano dolorosamente difficile rinunciarvi. Questo sarà senza dubbio il caso del passaporto del vaccino, del pass, del certificato o come vogliono chiamarlo.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
5 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Brad

Covid è una finta pandemia, se la malattia è reale e in gran parte lieve, tanto per cominciare e il tappo a piramide lo sa. Per estensione, quindi, qualsiasi passaporto sanitario viene logicamente implementato per secondi fini. Il "limite" è a pieno regime nel lanciare il loro 4IR-Reset e uno dei suoi obiettivi principali è posizionare ogni essere umano su questo pianeta su una blockchain centralizzata dove possono essere monitorati in tempo reale. Quando, non se il 'cap' introduce una criptovaluta mondiale, anche questo denaro digitale sarà sulla stessa blockchain e verranno monitorati anche i guadagni o UBI... Per saperne di più »

Ultima modifica 1 anno fa di Brad
Alistair

I palestinesi che vivono in Israele sono israeliani. Ci sono palestinesi israeliani che parlano al mondo contro questa linea di notizie false. I palestinesi stanno ricevendo il vaccino, come testimoniano - o coloro che hanno buona volontà nei confronti del loro Stato. Il guaio è che molti palestinesi in Israele sono contro Israele per ragioni islamiche e, come i loro parenti oltre i confini, vogliono dipingere lo Stato di Israele come uno stato di apartheid, il che sarebbe ridicolo se non fosse così grave. In verità, devi fare dei veri compiti su questo argomento, non giudicare le cose... Per saperne di più »

Anne

Come alcuni di noi possono vedere. Molte scuse e nuove regole e leggi non sono altro che oggetti di scena che stanno preparando il terreno per inaugurare l'anticristo, il nuovo sistema bestiale dell'ordine mondiale.

CAWS

Bene, da quando l'amministratore di Obama ha imposto i record digitali [e enormi spese per attrezzature e personale per gestirli]; Ho notato che letteralmente ogni studio medico ha informazioni sbagliate sui miei grafici online. Date sbagliate, procedure sbagliate, farmaci sbagliati! Le persone di basso livello che entrano in questa roba non possono essere disturbate a farlo bene e non sono addestrate nemmeno a conoscere i termini medici o l'ortografia. Inoltre, non tutti i sistemi comunicano tra loro. Poi ci sono privacy e hacking. Mio marito è stato informato dal VA DUE VOLTE in dieci anni che hanno perso o hanno avuto tutte le cure mediche private... Per saperne di più »

Laura Mc Donough

Spero che le persone non siano abbastanza stupide da seguire questo tipo di griglia di controllo. Questa è la linea nella sabbia lungo la presa di armi che in alcune aree scatenerebbe una guerra civile / proteste di massa. Dovrebbe essere chiamato ID vaccino o pass, invece. Gli stati non lo imporranno, tranne quelli di sinistra sulla costa orientale e occidentale.