Forum economico mondiale: i robot superano le attività umane di 2025

Wikipedia Commons
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
I tecnocrati inventano e costruiscono perché possono, ma raramente con la visione della saggezza di farlo. Con l'inizio di una nuova classe di cittadini sfollati soprannominata "disoccupabili", Technocrats può solo suggerire il reddito di base universale come soluzione. Non capiscono che gli umani hanno bisogno e vogliono lavorare. ⁃ Editor TN

Il mondo sta attraversando una rivoluzione sul posto di lavoro che porterà un cambiamento sismico nel modo in cui gli esseri umani lavorano a fianco di macchine e algoritmi, secondo una nuova ricerca del World Economic Forum. Entro il 2025 oltre la metà di tutte le attività attuali sul posto di lavoro saranno eseguite dalle macchine rispetto a 29% oggi. Una simile trasformazione avrà un profondo effetto sulla forza lavoro globale, tuttavia in termini di numero complessivo di nuovi posti di lavoro le prospettive sono positive, con 133 milioni di nuovi posti di lavoro che dovrebbero essere creati da 2022 rispetto ai 75 milioni che saranno sfollati.

La ricerca, pubblicata oggi in Il futuro dei lavori 2018, è un tentativo di comprendere il potenziale delle nuove tecnologie di interrompere e creare posti di lavoro. Cerca inoltre di fornire indicazioni su come migliorare la qualità e la produttività dell'attuale lavoro svolto dagli esseri umani e su come preparare le persone a ruoli emergenti.

Sulla base di un sondaggio condotto tra i principali responsabili delle risorse umane e i dirigenti della massima strategia di aziende di 12 e delle economie sviluppate ed emergenti di 20 (che rappresentano collettivamente 70% del PIL globale), il rapporto rileva che 54% dei dipendenti delle grandi aziende avrebbe bisogno di significativi riqualificazione e potenziamento delle competenze al fine di sfruttare appieno le opportunità di crescita offerte dalla Quarta rivoluzione industriale. Allo stesso tempo, poco più della metà delle aziende intervistate ha dichiarato di aver pianificato di riassegnare solo quei dipendenti che ricoprono ruoli chiave, mentre solo un terzo ha pianificato di riassegnare i lavoratori a rischio.

Mentre quasi l'50% di tutte le aziende prevede che la propria forza lavoro a tempo pieno si ridurrà di 2022 a causa dell'automazione, quasi l'40% prevede di estendere la propria forza lavoro in generale e più di un quarto si aspetta che l'automazione crei nuovi ruoli nella propria impresa.

Il rapporto presenta una visione di una futura forza lavoro globale che fornisce motivi sia di ottimismo che di cautela. Rispetto a uno studio analogo condotto dal Forum in 2016 per comprendere l'impatto della Quarta rivoluzione industriale sui posti di lavoro, le prospettive per la creazione di posti di lavoro oggi sono molto più positive in quanto le aziende hanno una comprensione molto maggiore delle opportunità rese disponibili dalla tecnologia. Allo stesso tempo, l'enorme disordine che l'automazione porterà alla forza lavoro globale porterà con sé cambiamenti significativi nella qualità, nella posizione, nel formato e nella permanenza dei ruoli che richiederanno una grande attenzione da parte dei leader del settore pubblico e privato.

"È fondamentale che le imprese assumano un ruolo attivo nel supportare le loro forze di lavoro esistenti attraverso il reinserimento e l'aggiornamento delle competenze, che le persone adottino un approccio proattivo al proprio apprendimento permanente e che i governi creino un ambiente favorevole per facilitare questa trasformazione della forza lavoro. Questa è la sfida chiave del nostro tempo ", ha affermato Klaus Schwab, fondatore e presidente esecutivo del World Economic Forum.

Tra i set di ruoli destinati a far fronte alla crescente domanda in tutti i settori vi sono analisti e scienziati di dati, sviluppatori di software e applicazioni e specialisti di e-commerce e social media, tutti ruoli che sono significativamente basati o potenziati dalla tecnologia. Anche i ruoli che sfruttano distintamente le "abilità umane", come le professioni di vendita e marketing, i gestori dell'innovazione e gli addetti al servizio clienti, faranno fronte a una domanda crescente. I lavori che dovrebbero diventare ridondanti includono ruoli di colletti bianchi basati su routine, come impiegati per l'immissione di dati, impiegati di contabilità e buste paga.

Jobs Outlook 2022

Nell'insieme delle aziende intervistate, gli intervistati hanno previsto un declino dei lavori 984,000 e un guadagno di 1.74 milioni di posti di lavoro tra oggi e 2022. Estrapolare queste tendenze tra quelle impiegate dalle grandi aziende nella forza lavoro non agricola delle economie 20 coperte dal rapporto suggerisce che 75 milioni di posti di lavoro potrebbero essere spostati da uno spostamento nella divisione del lavoro tra esseri umani, macchine e algoritmi, mentre 133 milioni di nuovi possono emergere ruoli più adattati a questa nuova divisione del lavoro.

Mentre prevediamo una crescita netta positiva dell'occupazione, ci sarà un cambiamento significativo nella qualità, posizione, formato e permanenza di nuovi ruoli. Di fatto, le aziende sono intenzionate ad ampliare il proprio uso di appaltatori che svolgono attività specializzate, coinvolgere i lavoratori in accordi più flessibili, utilizzare personale remoto e modificare i luoghi in cui opera la propria organizzazione per garantire l'accesso al talento.

I lavoratori richiederanno nuove serie di competenze man mano che la divisione del lavoro tra uomo e macchina continua a evolversi. Le aziende intervistate riportano che oggi, l'71% delle ore totali di attività correnti sono eseguite da esseri umani, rispetto allo 29% dalle macchine. Secondo 2022, questa media dovrebbe spostarsi su 58% di ore di attività svolte dall'uomo, 42% su macchine.

Strategie di gestione del cambiamento

Tutti i settori si aspettano di avere notevoli lacune nelle competenze, con un'instabilità delle competenze media di 42%, evidenziando la portata della sfida nel preparare i lavoratori di oggi ai cambiamenti nei loro ruoli attuali e nei lavori emergenti del futuro. Competenza tecnologica, come la progettazione e la programmazione della tecnologia, e abilità distintamente umane, come creatività, pensiero critico e persuasione, sono tra le competenze che aumenteranno notevolmente di importanza.

“Le aziende devono integrare i loro piani di automazione con strategie di ampliamento complete. Affinché le imprese rimangano dinamiche, differenziate e competitive in un'era di macchine, devono infatti investire nel loro capitale umano. C'è un imperativo morale ed economico per farlo. Senza approcci proattivi, le imprese e i lavoratori potrebbero perdere il potenziale economico della Quarta rivoluzione industriale ", ha affermato Saadia Zahidi, capo del Centro per la New Economy and Society al World Economic Forum.

Una strategia di aumento tiene conto del più ampio spettro di attività di creazione di valore che possono essere realizzate da lavoratori, macchine e algoritmi in tandem. La realizzazione di questo potenziale richiederà ai lavoratori di disporre delle competenze adeguate per l'ambiente di lavoro del futuro e richiederà alle imprese e ai responsabili politici di condurre sforzi complementari e coordinati per investire nel capitale umano.

Gli intervistati hanno riferito di tre strategie principali per far fronte alle sfide del nuovo mondo del lavoro: assumere personale permanente totalmente nuovo con le competenze relative alle nuove tecnologie; automatizzare completamente le attività lavorative; e riqualificare i dipendenti esistenti. Un numero ridotto ma significativo di aziende prevede di assegnare il lavoro a specialisti, liberi professionisti e lavoratori temporanei.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti